L’iniziativa a Casa Allegra a Bevazzana di Latisana (Ud) .Ripartire con consapevolezza e nel rispetto delle prescrizioni per la salute di tutti. È l’obiettivo che si era posta, ed è stato pienamente centrato, l’Associazione culturale La Riviera Friulana. Riprendere l’attività in presenza, e in piena sicurezza, non è stato facile a pochi giorni dalla riapertura.

S9ixaoUURJirLFBfhm6zvwMa già oggi, il personale dei locali di pregio è formato e pronto ad assecondare gli ospiti in piena efficacia. Rivierafriulana riprende la propria attività, ed ecco il primo evento dopo quella che era l’attesa del ritorno alla normalità, così, a Casa Allegra di Bevazzana di Latisana, Giovanni Toniatti Giacometti, che voleva sviluppare un’attenta analisi sui problemi, disagi, difficoltà causa dall’uso eccessivo e distorto delle notizie.

O meglio, la diffusione di notizie a distanza, incontrollate e senza fonti di provenienza certe: ovvero, le fake news’. O in gergo giornalistico ‘bufale’. ‘Fake’, che hanno disorientato, confuso, distolto l’opinione pubblica dai problemi reali e dagli obiettivi di un momento drammatico. Che, per essere superato, presupponeva una partecipazione dei cittadini. ‘Fakenews’, che sono state trattate da,

Moreandini , Licio Damiani e Gian Paolo Girelli

Carlo Morandini , Licio Damiani e Gian Paolo Girelli

Gian Paolo Girelli, già giornalista della RAI: ‘bufale’ sugli effetti nocivi del lattosio, che nessuno ha mai provato, hanno contribuito a mettere in ginocchio la zootecnia. ‘Bufale’, sugli effetti del Prosecco sui denti nell’uomo, mai provate, hanno rallentato le esportazioni.

‘Fake’ sulle capacità di inquinamento dell’ambiente da parte dell’agricoltura hanno provocato un rallentamento delle vendite: il mondo rurale è responsabile soltanto per il 14 per cento dell’inquinamento globale. Che fare per difendersene? Ricercare con attenzione le fonti, l’origine della notizia, e verificarne i contenuti.

Anche nel ‘lockdown’, la ‘chiusura’, le ‘bufale’ hanno rallentato il processo di ripresa delle attività, anche rivierasche. Per esempio quelle sulle prescrizioni per la sicurezza sanitaria, sulle precauzioni per girare per le strade, sulla ripartenza e la riapertura, su come faranno gli alberghi a ripartire.

Un evento interessante, che ha coinvolto il pubblico presente, a due passi dall’impianto di allenamento dei trottatori compreso nell’attività Toniatti Giacometti, e che come ha rilevato il consigliere regionale, Maddalena Spagnolo, rientra in un ricco calendario di iniziative culturali predisposte dall’Associazione culturale La Riviera Friulana e da Giovanni Toniatti Giacometti.

zvKzO2aYTVOS+ZjTtGtXiwMentre l’assessore al Turismo del Comune di Lignano Sabbiadoro, Massimo Brini, ha parlato degli effetti negativi delle ‘fake’ sulla riapertura delle attività turistiche, commerciali, ricettive, dei pubblici esercizi, dei marina, ecc..

Che hanno messo in seria difficoltà gli operatori, ma anche gli amministratori, confondendo un percorso che comunque è andato a buon fine. E oggi Lignano Sabbiadoro si presenta agli ospiti del dopo emergenza con tutti i servizi operativi e a disposizione. Anche Latisana ha vissuto nell’incertezza il ‘lockdown’, e come ha spiegato il vicesindaco, Angelo Valvason, ha sofferto del blocco quasi totale delle attività. Ma oggi presenta una realtà complementare alla grande spiaggia lignanese. In un territorio, quello della Riviera Friulana, che come ha messo in risalto Renata Capria D’Aronco, presidente del Club per l’UNESCO di Udine, possiede tutti i requisiti per essere valorizzato a livello globale. Il presidente dell’Associazione culturale La Riviera Friulana, Carlo Morandini, assecondato dal giornalista e storico, Vittorio Sutto, ha quindi presentato la Carta del Gusto della Riviera Friulana.

IMG_9270Un magazine on line che costituisce un almanacco delle ricchezze dell’area. Al termine, Vittorio Sutto, nel riconoscere l’impegno di Carlo Morandini, giornalista, scrittore, fotografo, ricercatore della cultura del territorio, gli ha consegnato il Premio Il Pais.

Tra i presenti, il critico d’arte Licio Damiani, il pittore Giovanni Toniatti Giacometti, e le pittrici Alessandra Candriella e Milan.

Ida Donati