la Laguna di Marano Lagunare

la Laguna di Marano Lagunare

Da San Canzian d’Isonzo sulle rive del fiume a pizza Fontana passando per Porpetto

Terza tappa del test road del gusto nelle terre rivierasche e tra Grado e Lignano

E… state. Dopo un avvio da gran caldo sahariano, come grida una popolare canzone stagionale è arrivato il periodo forse più bello dell’anno per le escursioni, le scampagnate, le gite a esplorare e conoscere il territorio. Il periodo migliore per visitare la Riviera Friulana. Un caldo secco, il fresco la sera, ispirano le occasioni per degustare le numerose attrattive di pregio del territorio. Alcune le abbiamo già elencate. Altre, come l’Azienda agricola Feudi di Romans di Pieris di San Canzian d’Isonzo, della famiglia Lorenzon, meritano una sosta prolungata. Di recente, i vini bianchi dell’azienda lanciata da Enzo Lorenzon, e ora sviluppata dai figli Davide, in cantina, e Nicola, alla promozione delle produzioni vitivinicole, sono stati nuovamente premiati nei concorsi internazionali. A incuriosire i degustatori, il blend ‘Sontium’, che prende il nome dall’antica denominazione del fiume Isonzo. Voluto da Enzo Lorenzon per valorizzare e far conoscere quei terreni un tempo poco considerati sotto il profilo agricolo. E ora capaci di consentire di realizzare

Nuova edizione 2019 coming soon

Nuova edizione 2019 coming soon

vini di classe. Vini da abbinamento ai piatti rivieraschi e non solo, ma anche ‘semplicemente’ da degustare. Anche assieme ai prodotti frutticoli e orticoli della campagna. Che come facevano i genitori di Enzo, i nonni di Davide e Nicola, sono proposti nell’area degustazione che di recente ha arricchito il complesso aziendale. Dall’Isontino che rappresenta la zona orientale della Riviera Friulana, al sangiorgino. O meglio, a Porpetto. Nel centro del paese, un tipico borgo rurale della pianura friulana, Clia, assieme a Ezio, in cucina, e Mari, in sala mantengono salda la tradizione della buona ristorazione che da cinquant’anni attrae, oltre ai degustatori friulani, numerosi appassionati del gusto da tutta Italia e dall’estero. E di recente, la cucina della Tavernetta Da Aligi, dal nume dell’ideatore, Aligi Grop, scomparso di recente, che ha lanciato negli anni settanta la cucina di qualità ‘fuori porta’ assieme ad altri animatori della Riviera Friulana, è stata segnalata anche dai promotori del territorio. Riconoscendo la valenza della cucina con i prodotti locali, che sa esaltare l tipicità attraverso il gusto della innovazione. A pochi chilometri di distanza, la Casa al Traghetto, a Torviscosa, è un’oasi immersa nella campagna che le tenute nobiliari in un recente passato avevano deputato alla produzione di colture massive, da destinare anche alla realizzazione di tessuti innovativi per l’epoca. Una cucina di pesce sincera, che si fonda sulla qualità della materia prima quella di Luigi Missio. Che viene proposta in una zona nella quale regna la pace della campagna. A ridosso del fiume Aussa. Originariamente infatti il locale era il riferimento per la traversata del fiume a scopi commerciali e agricoli. Verso la laguna. Città per antonomasia della laguna è Marano Lagunare, la città friulana della pesca, di parlata veneta. Quasi al confine tra i Comuni di Carlino e di Marano Lagunare, il ristorante Ai tre Canai si spende da quasi quindici anni per la riscoperta e la valorizzazione dei sapori della laguna e dell’Alto Adriatico. Con una contaminazione del gusto mediterraneo. Giorgio Dal Forno, ha trasmesso anche al suo collaboratore in cucina, Christian, la capacità di comunicare attraverso i piatti di pregio, non elaborati ma orientati a esaltare il gusto rivierasco. Che la moglie di Giorgio, Claudia, propone in abbinamento ai vini rivieraschi. Ai Tra Canai è stata la culla della riscoperta del ‘bisato in speo’, l’anguilla allo spiedo cotta al calor della brace secondo la tradizione dei casonari, ed è sede della confraternita Compagnia del Bisato. L’estate richiama il clima di festa e di svago che le località balneari sanno scatenare. Così, rientrando a Lignano, all’imboccatura della strada di Pineta la Pigna, hotel ristorante enoteca, ha beneficiato di recenti lavori di adeguamento alle esigenze dei turisti che amano soggiornare a Lignano gustandosi, assieme al mare, la buona cucina e i vini di pregio. Analogamente, a Sabbiadoro, al winebar Taj & Rhum, che fa parte dell’Hotel Tivoli, è possibile gustare prodotti agroalimentari di pregio, assieme ai finger food che Michele prepara con 646f1c58-5c85-4e16-8373-5771e1d82558gusto, con i vini selezionati dalle produzioni locali, interregionali, nazionali e non solo. Il locale di Samira Dorbolò è aperto tutto l’anno. Ed è la meta anche di numerosi gourmet stranieri che amano Lignano. Nel cuore di Sabbiadoro, nel nucleo principale della città, la Farmacia dei sani da oltre quarant’anni è la tappa di degustatori, curiosi dei sapori, ma anche di chi ama semplicemente soffermarsi nella città. Per passare alcune ore in relax accompagnati dai sapori e dai vini che Patrizio Faidutti propone da sempre a una clientela affezionata. Ma anche ai nuovi esploratori della città. Cucina di pregio, con vini selezionati da abbinare, all’Hotel Rossini Resort di Mario Iop. A due passi dalla spiaggia e da viale Venezia, l’asse centrale della località balneare, di recente dispone di una torre resort con alloggi stellati e di un centro benessere. Che completano il relax e l’accoglienza di un Hotel quattro stelle superior con la piscina interna, aperta tutto il giorno, collocata tra il ristorante e il resort. La prima pietra della ricettività lignanese è stata posata agli inizi del ‘900 dove allora aveva origine la spiaggia, e ora all’incontro tra il Lungomare e viale Italia, a Sabbiadoro. Il Gran hotel Marin mantiene lo stile e numerosi riferimenti all’architettura e all’allestimento originario. Ma si è dotato nel contempo di un moderno centro benessere e all’ultimo piano, di un’area panoramica con bar e piscina. Per poter consentire agli ospiti di apprezzare il fascino della vita balneare vista dall’alto. Assieme alla piscina originaria, che si trova tra l’albergo e il lungomare. Attorno alla quale spesso vengono serviti la colazione e la ricca cena a buffet allestita dallo chef. Un hotel che potrebbe sfuggire all’attenzione dei visitatori distratti della città. Ma che anche per questo è apprezzato da anni da numerosi ospiti italiani e stranieri, l’Hotel Salus, su una delle poche vie della città balneare che scendono in discesa verso il lungomare di Sabbiadoro. Christian Maso, che ha intrapreso l’attività paterna, cura molto l’accoglienza e l’aspetto del locale. Assieme ai servizi. E alla cucina. Il giardino esterno consente di gustare a piene mani l’estate. A Lignano Franz Dalle Crode vuole dimostrare che anche il fast food può essere stellato. A King Pub di via Carso , la strada che porta al faro rosso, assieme a una selezione di birre di pregio, propone decine di opportunità per lo spuntino e il pasto veloce. Ma sempre con materie prime a km zero e di qualità, dagli hambuger alle insalatone alle bruschette e così via. Ma anche sulla spiaggia si respira la qualità. Nel tratto di arenile tra il wind village di Sabbiadoro e il faro rosso, da decenni Giorgio Venudo propone il gelato artigianale. Dapprima valorizzando la tradizione lanciata dallo zio, conosciuto in spiaggia come ‘Paperone’. Da anni con una linea di gelato artigianale di pregio, servito da un mezzo semovente che ha brevettato. Dal quale nel contempo intrattiene i bagnanti, rivolgendosi loro in diverse lingue e molto spesso a persone con le quali, negli anni, ha ormai consolidato un rapporto di fiducia, stima, simpatia. Sulla base di questo percorso professionale, ora che è presidente nazionale dei gelatieri in seno a Confartigianato, ha lanciato la proposta di legge per la tutela e valorizzazione del gelato artigianale. Fatto con i prodotti naturali. Dalla spiaggia al centro di Sabbiadoro. a piazza Fontana. Nella quale da sempre il riferimento è il bar Fontana. Recentemente ristrutturato da Mattia Bianchin che ha condiviso il progetto con il padre Adriano, è stato pensato come un locale versatile, aperto tutto l’anno. Che assieme alla proposta di caffetteria, pasticceria, vini di pregio, possa anche realizzare snack veloci. Da gustare nella piazza rivolti alla fontana che è uno dei simboli di Lignano, o all’interno. Dove l’arredo si ispira alla moderna tradizione austriaca. 43b90233-6f39-48ec-bcdd-322232ba803dLa qualità del servizio, per Mattia, deve essere uno degli elementi chiave per un locale che rappresenta un biglietto da visita per la città. Come gli altri locali che aderiscono all’Associazione culturale La Riviera Friulana, propone spesso, anche nel corso dell’anno, serate di intrattenimento e musicali. Così come il Bar Gelateria Kristal di Daniele Defilippis, in via Tolmezzo. Un locale elegante, che spazia dalla proposta tradizionale ai vini e cocktail di pregio, alle colazioni, agli aperitivi. Per le bevande e i gelati di qualità fino a tarda notte. Con gli spazi interni molto ricercati, che consentono di gustare in pieno relax le proposte del locale. Sempre in via Tolmezzo, affacciato al parco San Giovanni Bosco, il Central Park di Diego Defilippis completa le attese degli ospiti della città, ma anche dei turisti. nel giardino esterno immerso nella passeggiata, nell’interno dominato dall’ampio American bar. Qualità del servizio e dei prodotti, anche in questo caso sono l’elemento caratterizzante. Nel locale antesignano dell’offerta musicale giovane per l’intero arco dell’anno. Sul palco del Central Park si sono esibiti numerosi artisti importanti. Da Maurizio Solieri, a Stef Burns, a Bearzatti, a Andy, ad altri ancora. Un salto a Pineta, in Piazza del Sole, per una tappa al Bellini di Gilberto Mondolo. Dalle colazioni al drink serale, da sempre il locale è un riferimento per quanti cercano a Lignano la qualità dell’accoglienza. Il relax coniugato con la possibilità di degustare vini, bevande, cocktail, snack di pregio. Magari ascoltando buona musica. Come per esempio nei Magic Monday, i lunedì musicali.

Carlo Morandini