IMG_8157Alberto Tonizzo e cinque dei viticoltori di pregio della Riviera

Degustazione per la #ripartenza ‘Al Ferarut’ su quello che fu chiamato la ‘terrazza Martini’ degli anni ‘80

Si riparte con un messaggio stellato nella Riviera Friulana. La prima serata-degustazione dopo un ‘lockdown’, che magari almeno nelle terre rivierasche potremmo chiamare più verosimilmente ‘chiusura’. E che vuole ricavare dalla ‘chiusura’ l’effetto di riflessione, fondante e di rilancio, che c’è stato.

Molti di noi auspicano in diversi settori. Un effetto ‘coesione’, che rinsalda un percorso di condivisione e un movimento di pensiero, quello rivierasco, teso a mettere insieme, valorizzare, far scoprire quel tassello di elementi articolato e poliedrico che compone la cultura del territorio.

Il percorso dell’Associazione culturale La Riviera Friulana prosegue e riparte dalle eccellenze del mondo rurale e agroalimentare presenti nell’area compresa tra i fiumi Tagliamento e Isonzo, la linea delle risorgive e il litorale adriatico. E a breve si affaccerà nel mondo della cultura e dell’arte che costella la realtà rivierasca. E che unisce le ricchezze che vi sono presenti.

Sabato, 13 giugno, il cuoco stellato, Alberto Tonizzo, inaugurerà un nuovo modo di proporre l’eccellenza del gusto. Che si avvale della materia prima genuina e di pregio delle terre rivierasche e delle acque lagunari e costiere. Inserendo elementi nuovi e di curiosità, che sapranno fidelizzare gourmet e appassionati, ma anche chi desidera scoprire l’essenza del territorio.

Piatti, creazioni che Alberto ha ricamato attorno ai vini di cinque delle aziende della Riviera Friulana. Così, ‘Si riparte dal mare! La Riviera Friulana svelai suoi protagonisti-grande cucina marinara e vini di pregio nei paesaggi commestibilitra risorgive, laguna e il mare”, vuole essere una prima vetrina di un mondo, quello della vitivinicoltura rivierasca, che in pochi anni ha voluto e saputo crescere. Per cavalcare un percorso di alta qualità lungo il quale l’intero vigneto Friuli Venezia Giulia si è affermato.

Nei concorsi internazionali e mondiali i vini ‘allevati’ nella Riviera Friulana hanno saputo conquistare i vertici delle valutazioni di enologi ed esperti, anche nelle varietà nelle quali il Vigneto Italia era ‘debole’ rispetto a ‘icone’ dell’enologia mondiale.

Qualità e sostenibilità sono elementi che anche Tonizzo sposa ancor di più nella ripartenza, anche per questa serata. Pur trattandosi della grande cucina marinare con i vini di pregio, nei paesaggi commestibili tra risorgive, laguna e mare, si tratta di un percorso accessibile e che non intende essere esclusivo.

Il menù prevede ‘Piccoli assaggi per divertire il palato’ con il Rosè Extra Dry Toniatti Giacometti di Latisana (Ud);

‘Ricciola marinata alla citronella-salsa di liquirizia, fichi fioroni acidulati’ con il Pinot Grigio 2019 Lorenzonetto di Pertegada di Latisana (Ud);

‘Capelli d’angelo con canestrelli rossi-frutto della passione, pomata di mandorle di Noto e basilico’ con Chardonnay ‘Les Iles 2018 Isola Augusta di Palazzolo dello Stella (Ud);

‘Granciporro al naturale con finocchetto-salsa inglese salata al cardamomo-coralli con ‘Marée’ 2017 Lorenzonetto di Pertegada di Latisana (Ud);

‘Gnocchi di melone con erbe selvatiche all’agro, caprino ed aneto’ con Traminer aromatico Fattoria Clementin Aquileia (Ud);

‘Pesce bianco selvaggio rosticciato-misticanza d’erbe aromatiche, salsa prezzemolo, aglio nero fermentato’ con ‘Sontium’ Feudi di Romans San Canzian d’Isonzo (Go);

‘Punky Pausa’ con Schioppettino 2918 Isola Augusta di Palazzolo dello Stella (Ud);

IMG_8192‘Sassi, profumi e frutti-menta, cioccolato soffiato e lamponi con zuppa fredda di rosa canina e zenzero con Moscato spumante 2018 Lorenzonetto di Pertegada di Latisana (Ud).

E Buon Appetito !

Carlo Morandini