Hotel Marin Lignano Sabbiadoro

Hotel Marin Lignano Sabbiadoro

anzi rinnova ogni stagione il suo appeal Il Grande Albergo Marin icona della #RivieraFriulana mantiene il fascino dell’aspetto fondante della città balneare Dal pioniere Angelo Marin al nipote Marzo la prima attività ricettiva di Lignano Sabbiadoro è sempre un riferimento

Per che cosa scelgono Lignano Sabbiadoro i turisti? Per la lunga e suggestiva spiaggia dorata, per la capacità di accogliere e ospitare, per l’ambiente naturale e il verde che tutt’ora caratterizzano la città balneare, per la serenità e il relax che gli ospiti si possono godere, per gli intrattenimenti che la località offre. Buona parte di questi requisiti erano stati intuiti dai fondatori della città, ai primi del ‘900. In particolare dal pioniere Angelo Marin, che com’è facile intuire avviò il primo albergo a Lignano dove ora sorge il Grande Albergo Marin.

#hotelmarin #lignanosabbiadoro #115

#hotelmarin #lignanosabbiadoro #115 anni

Allora Lignano era una penisola sabbiosa ricoperta da vegetazione mediterranea. Successivamente, saranno piantate le prime pinete. E solo negli anni ’60 al nome della località sarebbe stato aggiunto Sabbiadoro. L’intuizione di Angelo Marin è poi stata sviluppata dal figlio, e in questi decenni consolidata dal nipote Marco. Nel tempo, anche nella recente ristrutturazione, è stato mantenuto all’esterno l’aspetto originario dell’Albergo. La splendida facciata stile ‘900 che ha affascinato e fidelizzato migliaia di vip, attori, artisti, personaggi della cultura, che hanno soggiornato al Marin. Il verde che i offre agli ospiti semplicemente uscendo dal bar, o dal ristorante. Per la colazione o la cena sotto il pergolato della passerella che oltrepassa la suggestiva piscina. Anch’essa mantenuta conforme allo stile originario. Proprio attorno alla piscina si svolgono feste e incontri. Ma viene anche servita la gran cena-buffet delle giornate particolari, per la quale lo chef e il personale di cucina, specializzato nei vari tipi di pietanze, scendono direttamente a contatto con gli ospiti. Per trasmettere, attraverso il gusto, la cultura del territorio. Le attrattive di questa icona della #RivieraFriulana non sono finite. Gli arredi e la disposizione interna ricalcano l’ambiente stile ‘900. Anche se non mancano i servizi e gli accorgimenti più moderni per il benessere e la climatizzazione dei locali. È in particolare salendo ai piani superiori che si scopre il vero valore aggiunto del Grande Albergo Marin: già dal 1.piano si può

#hoteldallaspiaggia #hotelmarin #lignanosabbiadoro

#hoteldallaspiaggia #hotelmarin #lignanosabbiadoro

infatti ammirare la spiaggia, dalla Terrazza Mare fino al faro. Poi, salendo, piano dopo piano, dai balconi e dalle terrazza si apprezza l suggestiva skyline che scorre dal monte Sabotino al Golfo di Trieste, alla costa slovena, poi croata. Lasciando scorrere lo sguardo tra le isole e le barene peri lagunari, fino a Grado, l’altro margine della #RivieraFriulana. Quel paesaggio, che ha ammaliato pittori e artisti, tra i quali il friulano Fred Pittino, il quale non ha mancato di ritrarre anche l’albergo che gli  stata fonte di tanti elementi di ispirazione per quadro e opere di grande caratura. Beh è ora di svelare il segreto: il Grande Albergo Marin si trova a dieci metri dalla spiaggia, all’inizio del lungomare percorribile in auto di Lignano Sabbiadoro. Affacciato su Viale Italia, il verde, il giardino che contorna la piscina, assicurano agli ospiti la privacy e la tranquillità che si respirava, in un ambiente totalmente diverso, 114 anni fa, quando germinò la pria attività ricettiva di Lignano, dando il via allo sviluppo che ne avrebbe fatto una delle più importanti realtà dell’Adriatico.

Carlo Morandini

Lignano Sabbiadoro, 20 luglio 2019.

larivierafriulana® Associazione Culturale

#LIGNANO SABBIADORO  #GRADO  #MARANO LAGUNARE

Sito: www.larivierafriulana.it

Mail: info@larivierafriulana.it

Tel. Cell: +39 335 370816

Facebook: Riviera Friulana – la riviera friulana /Twitter: @rivierafriulana /Google: Riviera Friulana

#RivieraFriulanaNews162/2017