Skip to content Skip to left sidebar Skip to right sidebar Skip to footer

News

Itinerari rivieraschi su 4 ruote riparte la rubrica di test road nella Riviera friulana

Itinerari rivieraschi su quattro ruote … . Itinerari turistici e culturali rivieraschi, è un capitolo del sito www.larivierafriulana.it , unico sito ufficiale della Riviera friulana che è anche testata giornalistica on line registrata al Tribunale di Udine. Riprende corpo e sarà lo strumento ‘on line’ per comunicare le attrattive del territorio compreso tra e nei bacini dei fiumi Tagliamento e Isonzo, la linea delle Risorgive friulane e il litorale adriatico.

Il motivo delle notizie, dei ‘lanci’ di news, saranno i test drive di auto di nuova produzione, di ogni categoria, con i quali raggiungeremo le attrattive dell’area per raccontarle. Un’iniziativa che si affianca alle mie newsletter charlieinauto, sul blog di www.libero.it, e provavintage, che era rimasta in parcheggio per dedicare più spazio di lavoro alla trasmissione fvg da scoprire, e si svilupperà ora anche sul portale ufficiale dell’Associazione culturale La Riviera friulana ETS.

Portale che ha raggiunto i 170mila contatti e presenta le eccellenze e le peculiarità dell’area considerata. Si tratterà dunque di un capitolo ‘on line’ di testroad e di testdrive, ma soprattutto della divulgazione turistica e culturale delle ricchezze presenti sulla costa friulana e nel suo retroterra.

#testroad I Castelli di Strassoldo (Ud)

‘Chiare, fresche e dolci acque…’ L’esordio delle nostre tappe tra gli #Itinerari della #Rivierafriulana sarà dedicato a uno dei siti più suggestivi delle terre rivierasche: i Castelli di Strassoldo. Si trovano in Comune di Cervignano del Friuli (Ud) e sono il Castello di Strassoldo di Sopra e il suo gemello, il Castello di Strassoldo di Sotto, considerati tra i più antichi manieri del Friuli Venezia Giulia che ora fanno parte dei Borghi più belli d’Italia. Sono legato affettivamente a questi luoghi perché diedero i natali al Magnifico Rettore Marzio Strassoldo, ricercatore e tra i sostenitori del recupero e rilancio della lingua friulana, che mi diede l’incarico di Direttore editoriale della prestigiosa rivista di divulgazione scientifica ‘Cil & Tiere’ (cielo e terra), ovvero la versione in Friulano e in Inglese della rivista Le Scienze. Strassoldo si trova in un parco alimentato dalle acque di risorgiva. Acque che arrivano dall’arco alpino e si inabissano per riemergere a decine di km di distanza, quando incontrano una barriera impenetrabile di limo che le blocca e le costringe a riemergere in superficie in corsi d’acqua, polle, laghetti limpidi. Per questo il parco del Castello di Sopra è incorniciato da fiumi e canali e caratterizzato da numerosi pozzi. L’aspetto attuale deriva dagli interventi di bonifica alle paludi preesistenti effettuati agli inizi del Settecento, quando venne meno la funzione difensiva del maniero. Edificato alla fine del primo millennio lungo la via Julia Augusta, strada romana che da Aquileia conduceva al Norico, inizialmente era detto ‘dalle due torri’. Secoli più tardi sorsero due castelli separati attorno a ciascuna delle torri originarie. Gli Strassoldo, che si stanziarono nell’area prima del 1077, quando fu formalizzato il Patriarcato di Aquileia, che difendevano questo territorio per conto degli imperatori di Sassonia, furono una delle prime famiglie di feudatari liberi.

#testdrive Fiat Tipo Cross Hybrid Red Eclettica, spaziosa, confortevole, performante modaiola

Un modello popolare e la sua versione più recente evoluta elettronicamente e potenziata

Prima protagonista di questo percorso sulle strade della #Rivierafriulana che intende divenire popolare, è un’auto, un modello che di per sé è già popolare, nella versione più esclusiva e avanzata: la Fiat Tipo Cross Hybrid Red. È la versione moderna della Fiat 1100, poi della Fiat 124, vetture spaziose, ciascuna per la sua epoca, versatili ed eclettiche fino a sviluppare la vocazione sportiva e modaiola. La Fiat Tipo Cross Hybrid da è una cinque porte spaziosa e confortevole spinta dal motore a benzina di 1.500 cc, e da un’unità elettrica da 20,4 CV con un sistema a 48V: ha una potenza di 130 CV. La trasmissione automatica a doppia frizione e a sette rapporti è convincente nei sorpassi e nella guida extraurbana, e assicura consumi sostenibili. Con la parte elettrica percorre soltanto tratti brevi, ma è ciò che le consente di abbattere il consumo fino a 20 km/l. L’aspetto grintoso e sportivo, con la slitta del sottoscocca che protegge anche la parte bassa del muso e della coda, è conferito dai fascioni di protezione in gomma scur sotto le porte e attorno ai parafanghi in gomma scura antiurto, mentre lo stile cross è rimarcato dall’altezza da terra e dalle pedane esterne nel piano sottostante le portiere. La quinta porta, il portellone posteriore, assicura una buona capacità di carico specialmente abbattendo i sedili. A trazione anteriore, dallo spunto interessante in accelerazione ha gli interni e le finiture, il volante e il ‘pomello’ della leva del cambio, che serve anche per selezionare le 7 marce a mano, in similpelle. Ritornando alla guida, è assistita da sistemi avanzati come: il cruise control adattivo, i sensori anticollisione in marcia, l’avviso del pericolo causato dal sopraggiungere di un veicolo, collisione se anche proveniente da dietro, i sensori che assicurano il mantenimento della corsia, accorgimenti evoluti rispetto ai quali un dettaglio tra le dotazioni ci riporta all’importanza del fattore umano, l’essenzialità del ‘fai da te’ nelle emergenze: il comando del freno a mano è a bacchetta. In un contesto tanto automatizzato, sembra quasi un invito del progettista a provarla nella guida sportiva con le tecniche da sterrato o da scarsa aderenza: quel colpetto di freno a mano all’entrata in curva, che induce l’auto a sbandare per innescare la sbandata controllata, più conosciuta come ‘derapage’. Una guida convincente anche in montagna dove non abbiamo riscontrato aumenti di consumo significativi, un display di dimensioni adeguate, fari molto potenti a led, sono altri dettagli positivi di questa versione della Fiat Tipo Cross Hybrid Red. Perché Red? È il colore simbolo di un progetto di solidarietà lanciato dal leader del complesso U2, Bono, che è stato sostenuto dalla storica Casa italiana oggi del Gruppo Stellantis.

Carlo Morandini

#itinerari Itinerari rivieraschi su Quattroruote | larivierafriulana #ItineraririvieraschisuQuattroruote

#Rivierafriulana #FVGdascoprire #strassoldo #fiattipocrosshybrid #fiattipo #stellantis

Lignano, 23/8/2023.

#Rivierafriulana: la #ViadeisaporiFVG per la prima volta scende in spiaggia a #Grado

Quando un evento mondano scende in spiaggia reca in sé già un elemento attrattivo importante, che è la location suggestiva. Se poi si tratta di una manifestazione ormai consolidata destinata a offrire ad appassionati del gusto, gourmet, operatori e giornalisti uno spaccato della realtà del settore considerato possiede già i requisiti del successo.

Leggi tutto: #Rivierafriulana: la #ViadeisaporiFVG per la prima volta scende in spiaggia a #Grado

Per la tappa di Grado (Go) La via dei sapori Friuli Venezia Giulia ha compiuto anche questo passo. Dopo le edizioni ospitate ogni anno nello splendido giardino del Castello di Spessa (Go) e in qualificate realtà in Italia e all’estero è stata traferita per quest’anno dalla Diga Nazario Sauro di Grado (Go) alla spiaggia prospicente il Parco delle rose, ovvero nella sezione più importante dell’arenile dell’Isola d’oro.

Slittata di qualche settimana per evitare il maltempo si è annunciata con un allestimento festoso, evidenziato da filari di lampade tra gli ombrelloni che non hanno distolto l’attenzione degli ospiti dall’obiettivo della serata: valutare le proposte di cucina e i vini in abbinamento di 21 attività della ristorazione del FVG e di altrettante aziende vitivinicole.

L’occasione dell’evento nato da un’idea di Valter Filipputti e sostenuto dalla Camera di commercio Pordenone e Udine e dalla Regione FVG era come sempre ghiotta, e la location inusuale non ha demotivato gli affezionati ospiti de La via dei sapori.

Né il ‘pavimento’ di sabbia ha scoraggiato le ospiti più eleganti. Ristoratori, chef, cuochi, oltre al severo giudizio dei degustatori e agli inevitabili raffronti degli ospiti tra gli stili di cucina, le scelte dei piatti e della materia prima, ma anche degli abbinamento con i vini delle aziende in affiancamento, questa volta hanno dovuto affrontare un nuovo handicap: la sapidità dell’aria conseguente alla prossimità del mare.

Probabilmente già nelle giornate precedenti alla manifestazione i cuochi e il loro staff, nelle prove dei piatti per la serata gradese si erano interrogati sul livello di sapidità più adatto per le loro pietanze, sugli ingredienti, anche sul piatto scelto per l’occasione. C’è chi ha optato per piatti freddi e di ricerca, chi per piatti innovativi, chi è rimasto nel solco della tradizione, chi, cercando l’effetto speciale, ha rischiato di strafare mettendo a rischio l’abbinamento con i vini della ventina di Aziende che fa parte del Consorzio Via dei sapori.

Tra le proposte più ‘votate’ dal pubblico il Gazpacho verde canederlo di mare e zenzero marinato de AI Fiori di Trieste, il Lingotto di trota affumicata in casa con melanzane alla brace e crumble all’alga spirulina de Al Paradiso di Pocenia (Ud), Street food, beach food hot dog che viene dal mare, ketchup di albicocche, mayo di alghe e seppia della Caffetteria Torinese di Palmanova(Ud), Fagottino di vitello con crudité di verdure e maionese alla melissa, dell’Hotel Carnia di Venzone (Ud), la Calamarata con tonno, olive, capperi e crema di bufala affumicata di Costantini di Collalto di Tarcento (Ud), il Coniglio alla cacciatora, funghi, tartufo e pomodoro di Da Nando di Mortegliano (Ud), Parmigiana di carrozza di La Torre di Spilimbergo (PN), L’orto di Sara (purea di melanzane fritte, polpetta di zucchine e peperoni arrostiti) di Locanda Devetak di San Michele del Carso (Go).

E tra i dolci, il Magnum gelato di Al Grop di Tavagnacco (Ud), Dolce Aquileia di Pasticceria Mosaico-Cocambo di Aquileia (Ud), e Fior di Pezzata Rossa, Cioccolato e Midolini Asperum 15 anni, Sorbetto al Prosecco con salsa lampone della Gelateria Nonno Carletto di Udine.

Per quanto riguarda i vini, soltanto tre erano da uve a bacca rossa, e si andava dall’uvaggio all’autoctono Schioppettino, ovviamente dedicati alle tre uniche creazioni di cucina dedicate alla carne, tra l’altro tra le più azzeccate nonostante la location. In riva al mare, il tema dei piatti scelto dai ristoratori era orientato prevalentemente alla cucina di mare. così hanno prevalso il Sauvignon, il Friulano, il Pinot Bianco, la Malvasia, il Pinot Grigio, la Vitovska.  

Carlo Morandini    

Estate 2023 : Un’oasi sospesa tra campagna e Laguna per degustare piatti tradizionali o creativi

#cartadelgusto23

Nella #Rivierafriulana a Marina Sant’Andrea (Ud): dal gusto della semplicità al sapore della creatività

Un ristorante che ritrova la sua attrattività non solo per i naviganti ma anche per gli appassionati

Veduta del Marina Sant’Andrea – S.G.di Nogaro UD

L’oasi che ripropone nel retroterra, anche se a breve distanza dal mare, l’atmosfera placida dell’ambiente lagunare e nel contempo la serenità della campagna rivierasca, dov’è possibile degustare piatti adriatici tradizionali ma anche l’esito della creatività di un cuoco dalla lunga e articolata esperienza: è il ristorante del Marina Sant’Andrea di San Giorgio di Nogaro (Ud). Si trova lungo il fiume Corno a breve distanza dal suo sbocco in laguna, al termine del lungo rettifilo della strada dell’Aussa-Corno dove insiste anche Porto Nogaro.

Infatti, non è raro potervi ammirare dai tavoli del luminoso giardino coperto del locale il silente passaggio di navi mercantili di piccola-media dimensione o dei rimorchiatori, che scorrono a poche decine di metri sbucando oltre l’argine del fiume quasi al livello del curatissimo prato antistante, spesso annunciato da un suono di sirena della nave per reclamare la precedenza sul canale. Il motivo di questa vicinanza è presto svelato: si tratta del ristorante del marina che è aperto al pubblico e rappresenta il ritrovo dei naviganti. Capita infatti di incontrarvi amici regatanti, marinai, navigatori, armatori che vivono sul mare o danno corpo alla loro passione facendo base nella struttura nautica. Così anche alla clientela ‘esterna’ capita di poter ascoltare rapiti racconti suggestivi, esperienze spesso irripetibili occorse nella navigazione sui mari del mondo ad appassionati appena rientrati da suggestive crociere o in procinto di salpare per percorrere le coste adriatiche o andare oltre. In questo contesto particolare si è realizzata una situazione che sta svelando la sua efficacia agli ospiti del locale.

La nuova gestione è stata affidata dal marina a Claudia Azzano, sommelier professionista e con una lunga esperienza maturata nei locali stellati del Friuli del gusto, che cura personalmente la qualità della proposta e del servizio, assieme all’irlandese Robert Goode, appassionato delle carature della cucina mediterranea e rivierasca e del pregio dei vini dell’area.

Una cura e attenzione metodica che sono la sintesi dell’impegno maturato da Claudia Azzano lungo il suo percorso professionale nel corso del quale ha appreso in particolare come saper trasmettere le attese della clientela alla cucina. Per quanto riguarda gli abbinamenti con i vini di pregio ci pensa lei. Per esempio con il piatto dell’estate dedicato dallo chef alla Carta del Gusto della Riviera friulana. Un piatto ‘pazzo’, come l’ha definito il cuoco, che però con la sua esperienza è riuscito a ottenere l’interesse degli ospiti con una crescente richiesta: il Polipo con l’anguria. Un piatto che si distingue per i delicati sentori estivi arricchiti dalla morbidezza e fragranza marina del polipo. Ah sì… l’abbinamento di Claudia: “una bella Malvasia rivierasca, sapida, fresca, intensa e piena’.

L’attrattività della cucina del locale si sviluppa anche attraverso la linea scelta dal cuoco per la preparazione dei piatti che si riassume nell’impiego della materia prima di qualità e sempre fresca per proporre ricette semplici ma caratterizzate, dai Tagliolini alla ‘busara’, ai Paccheri con tonno, pomodorini e olive, ‘aromatizzati’ con una spolverata di fragrante timo essicato, alle semplici ma imperdibili Sarde panate, ai dolci, tra i quali la versione analcolica del Vetturino, con la panna non zuccherata, la versione base del Tiramisù. Una cucina dietetica che esalta il gusto della genuinità. Il nome del locale? Sarà svelato in occasione di un evento del marina alla fine dell’estate.

Carlo Morandini

Nella Riviera friulana il ritrovo dei vip, personaggi dello sport e della cultura e amministratori

La cucina di mare che valorizza la genuinità ed esalta i sapori adriatici

Tagliolini Da Patrizio e Ribolla Gialla per insaporire l’estate lignanese

Il modello di convivialità friulano funziona e rinnova la sua attrattività dalla montagna alla Riviera, per tutto l’anno, nella stagione fredda come in piena estate. A Lignano Sabbiadoro ne è un esempio emblematico ‘Da Patrizio’, come ormai gli amici cittadini e i frequentatori della località balneare friulana hanno ribattezzato ‘Alle bocce’, locale che possiede una sua storicità locale ed è nato negli anni ’70 con la formula dell’osteria. Dove cibi e pietanze dell’area venivano proposte con la cordialità della gente del mare, condite con il buon vino friulano e rivierasco. All’inizio di via dei Platani, dove viale Europa lascia spazio al nucleo principale della cittadina adriatica, ‘Da Patrizio Alle Bocce’ si trova di fronte al tennis e al minigolf, e dove c’erano i campi da bocce, accanto alla griglia all’aperto che per decenni ha rappresentato una delle attrattive locali, si trova ora l’ampio parcheggio. È in questo locale che Patrizio ha trasferito il modello vincente dell’osteria friulana, anche se specializzata nella cucina di mare.

La luminosa veranda de ‘Le bocce’ è ora racchiusa dalle moderne pareti trasparenti e rappresenta il sito versatile per l’aperitivo, in tarda mattinata come alla sera, ma si trasforma rapidamente per il pranzo veloce o anche per la cena gustata al coperto, ma all’aria aperta. All’interno il bancone del bar, per gli stuzzichini e l’aperitivo veloce o per un buon bicchiere di vino scelto tra le tante etichette del vigneto regionale individuate tra gli amici di Patrizio. La sala del caminetto, ‘gettonatissima’ nella stagione fresca quando lo stesso gestore accende e ravviva il fuoco, assieme al tavolone per gli amici ospita i tavoli destinati alla ristorazione ed è l’area del locale dove degustare al meglio i sapori e i vini che di stagione in stagione, e a seconda del periodo, costituiscono un’attrattiva rappresentativa del gusto della Riviera friulana.

#Rivierafriulana: Patrizio Faidutti tra i primi sostenitori

Un’idea, quella rivierasca, che Patrizio Faidutti, friulano Doc e da sempre frequentatore della cittadina sostiene fin dall’origine, come da sempre egli è paladino delle tradizioni e delle tipicità friulane. I locali che Patrizio ha animato, nella Riviera friulana come accanto, nel contiguo Veneto Orientale, sulla sponda destra del fiume Tagliamento, sono sempre stati frequentati dai vip, da personaggi del mondo della cultura, della politica, dello sport e della società, ma anche del mondo enogastronomico e della ristorazione, tutti accomunati dalla passione per il mare e per la possibilità di re-incontrarvi gli amici di sempre. Nel tempo Patrizio ha così raccolto il bagaglio di esperienze e di conoscenze che arricchiscono la professionalità di un buon ristoratore, e sono per gli ospiti una garanzia della qualità delle materie prime e delle proposte. Così per l’aperitivo a tavola si può giocare tra un Prosecco e la Ribolla Gialla spumantizzata da gustare assieme all’apertura della cucina adriatica e mediterranea. Dall’antipasto caldo, con le sarde fritte e lo spiedo di mazzancolle, al tris di baccalà mantecato su polenta gialla con cappero, oliva o pomodorino secco, al morbido e gustoso polipo con frutti di mare, cozze, vongole, capperi e pomodorini, misticanza. Un bianco fermo, Friulano o Ribolla, assieme ai tagliolini di Patrizio ai frutti di mare, Piatto dell’estate; per passare a un Rosato o a un Pinot nero leggero assieme ai Tagliolini San Daniele. Tra i secondi la scelta è sempre legata alla stagionalità e alla reperibilità, ma se ‘Da Patrizio Alle Bocce’ gioca le sue carte dell’estate sulla cucina di pesce, non mancano i piatti di carne, e allora si passa ai rossi, della Riviera friulana o del Collio, altra realtà dove Patrizio è di casa.

A concludere la cena nel locale, accuditi da personale qualificato e capace di ricreare quel contatto tra il ristorante e gli ospiti che spesso manca in altre realtà, il Tiramisù in versione tradizionale o la Crema cotta, assieme a un profumato Verduzzo rivierasco. #cartadelgusto2023

Carlo Morandini

In riva al #tagliamento sintesi dei sapori che affascinarono #hemingway

Riparte La Vecchia Finanza tra la Calamarata a sorpresa a un Tiramisù delicato e convincente

Leggi tutto: In riva al #tagliamento sintesi dei sapori che affascinarono #hemingway

Colori, luci e sapori genuini con la rinnovata gestione aziendale di un locale storico di Lignano Riviera

Di là dal fiume… tra gli alberi’: fanno ormai parte della cultura del territorio rivierasco la vita e le opere di Ernest Hemingway, e questa frase, che è il titolo di uno dei romanzi più amati del giornalista-scrittore americano è impressa su un cippo sulla riva sinistra del fiume Tagliamento, a poca distanza dalla foce, a ricordo della sua frequentazione della penisola lignanese.

E’ lì, è accanto al luogo dove si narra #Hemingway avesse tratto ispirazione forse assieme all’amata del luogo per quel suo libro che lancia un ponte ideale oltre il #fiume Tagliamento verso l’ignoto immaginario che allora per lui risuonava ancora degli echi della guerra, che c’è il ristorante ‘La Vecchia Finanza,‘ trattoria con cucina prevalentemente di pesce. Si trova dove originariamente c’era un vecchio sito daziario. Il locale è alla fine del percorso lungomare di Lignano, quasi alla foce del Tagliamento, e ha rilanciato da questa stagione l’attrattività di un’area suggestiva, a poche centinaia di metri dall’estuario del fiume, dove le sue acque placide si mescolano con quelle salmastre dal #mare.

Il locale si trova accanto all’area well-ness del ‘ Campeggio Fra i pini,‘ed è di fronte all’imbarcadero per il traghetto ciclo pedonale verso la sponda veneta e Bibione. L’ampio giardino de La Vecchia Finanza è riservato agli aperitivi e al drink serale, mentre il terrazzo serve per gustare la cucina dello chef toscano Davide Pacelli. Le sale interne hanno un fascino particolate: ricostruiscono l’ambiente dell’epoca nella quale Hemingway soggiornava a Lignano e nella Riviera friulana rafforzando la coreografia dello scenario naturale del quale il fiume è il protagonista, specialmente quando le luci dell’imperdibile tramonto colorano il verde delle sponde. Hanno il sapore dell’architettura rivierasca del dopoguerra del ‘900.

La ripartenza de La Vecchia Finanza , che fa parte del compendio S.i.l. della Famiglia Pozzo, è progettata e seguita da Furio Cepile, manager da decenni attivo a Lignano, in particolare a Riviera, e nella regione: è sempre vicino al cuoco e allo staff per assicurare il servizio più adeguato e atteso dagli ospiti. Il valore aggiunto del locale sono le luci, fino a quella soffusa della luna, mentre i colori sono scelti per rendere vivi gli interni, tra i quali troneggia la sala del caminetto destinata alle degustazioni e al relax, dedicata a Hemingway. Numerose immagini d’epoca collocate alle pareti rievocano la storia di Lignano. I piatti de La Vecchia Finanza sono curati ed eleganti, e tra essi regna l’ingrediente più efficace: la selezione attenta delle materie prime.

Le sale interne, quasi a replicare lo scenario esterno dominato dal placido scorrere del fiume, assicurano riservatezza e la tranquillità per potersi dedicare a piatti che comunicano il gusto semplice ma profondo del mare. L’insalata di mare è interpretata con un gusto fresco e delicato che non trascura la fragranza del polpo né il sapore morbido delle cozze. Pacchero in vaso cottura ai frutti di mare, Piatto dell’estate, è arricchita dai frutti di mare e dai pomodori pachino, e si svela in una inusuale ma efficace proposta: è contenuta e va consumata in un vaso ermetico avvolto nella stoffa per ritardarne il raffreddamento e conservare così la fragranza della proposta.

Tra i secondi, due le opzioni più richieste dell’estate: l’appagante Fritto misto con le verdure di stagione, e la Coda di rospo in rosso, con la quale, anziché il Friulano abbinato ai piatti precedenti, un Merlot rivierasco leggero ci sta. La sorpresa tra dolci di tendenza, come tutti i piatti preparati senza l’impiego di insaporitori o aromi, il Tiramisù come l’avrebbe apprezzato Hemingway, da gustare ammirando il tramonto: savoiardi fatti in casa come la delicata crema al mascarpone e una lieve spruzzata di caffè. Un percorso, quello seguito, oltre che gradevole sostenibile e risultato di un equilibrato dosaggio di ingredienti rivieraschi, adriatici, mediterranei: un po’ la sintesi di elementi che avevano ammaliato Hemingway, e si rivolge a chi desidera ritrovare i sapori della tradizione locale, con un pizzico di contaminazione mediterranea.

#cartadelgusto2023

Carlo Morandini

Risotto San Massimo con bisque di crostacei, aragosta di fondale, burrata liquida e crescione in germoglio

Si mangia gourmet in spiaggia al Playabeach restaurant a Lignano Sabbiadoro nella Riviera Friulana

La #cartadelgusto2023 , la #Rivierafriulana, il #piattoevinoestate2023 con #Lignano e le contaminazioni mediterranee

Al Playabeach Resturant di Lignano Sabbiadoro di Francesco e Cati ,antesignani della cena in spiaggia con i piedi sulla sabbia

Leggi tutto: Si mangia gourmet in spiaggia al Playabeach restaurant a Lignano Sabbiadoro nella Riviera Friulana

Risotto San Massimo con bisque di crostacei, aragosta di fondale, burrata liquida e crescione in germoglio

Vivere la vacanza al mare per condividerne l’ambiente anche la sera, gustando una cucina di pregio a poche decine di metri dalla riva, mantenendo il contatto fisico con la vellutata sabbia della spiaggia di Lignano Sabbiadoro seduti sull’arenile sul quale è morbidamente adagiato anche il nostro tavolo, illuminato da un gioco di luci destinato a far risaltare lo scenario irreale delle dune. Il Playabeach restaurant nel tratto pedonale del lungomare Marin, si presenta con sale raffinate ispirate all’ambiente e al clima marinaresco, il banco bar affacciato sul passaggio pedonale e ciclabile, e vive la sua vera e affascinante identità sull’altro lato della strada, oltre il quale si ammira la skyline dall’arenile delle isole peri-lagunari della Marinetta, o delle Conchiglie, e di Sant’Andrea, alla costa verso Grado, fino sullo sfondo al Golfo di Trieste e al capoluogo regionale. 

Quando stanno per calare le ombre della sera evidenziando l’irregolarità del manto di sabbia dell’arenile si accendono le luci su uno degli allestimenti più suggestivi della ristorazione lignanese: è il suadente giardino del Playabeach Restaurant adagiato sui fitti granelli della sabbia che come la neve ovatta i rumori e aumenta il benessere nella location lignanese, accompagnando lo sguardo fino alla risacca in riva al mare. 

E’ il sogno di Francesco Rizzi e Cati Cristin, che ormai quasi una ventina d’anni fa passeggiavano spesso in questo tratto della spiaggia di Sabbiadoro, tra gli Uffici spiaggia n. 1 e 2, sognando di far vivere a modo loro uno dei chioschi sull’arenile che già allora dimostravano la loro età. Un’aspirazione che qualche anno fa si è potuta concretizzare, con l’acquisizione del locale e la sua trasformazione in un accogliente sito per la ristorazione di pregio. 

Una magia che si rinnova già da qualche estate, consentendo agli ospiti della città, ma anche a molti lignanesi di vivere un’esperienza rara nell’Alto Adriatico: pranzare e cenare con i piedi adagiati sulla sabbia della spiaggia. 

Coadiuvati da un personale capace di far percepire ai frequentatori del Playabeach restaurant il calore e l’accoglienza di un ambiente casalingo, i due ristoratori sono impegnati a guidare le degustazioni seguendo passo dopo passo i commensali sul cammino del gusto, soppesando gli abbinamenti con i vini di pregio a disposizione nel locale, suggerendo opportunità e proposte golose e bilanciate. 

Nel menù e nella definizione dei piatti ha un ruolo importante la passione di Francesco per le materie prime di qualità con un pizzico di contaminazione mediterranea nel menù, naturale conseguenza dell’esperienza maturata nella sua terra d’origine, la Puglia. Appassionato di calcio e calciatore, Rizzi era arrivato in Friuli richiamato da un posto in squadra in una formazione della Riviera friulana. Qui aveva conosciuto Cati con la quale ha condiviso anche la passione per lo sviluppo della ristorazione dapprima a Lignano Pineta, nel locale di famiglia della compagna, ora anche a Sabbiadoro. Dove Francesco con orgoglio presenza i piatti che ha delineato assieme a Cati e allo chef. Ecco un esempio di menù degustazione Playabeach

L’entrée è rappresentata dalle crudité: lo sashimi di salmone con semi di papavero e mousse di rapa rossa; la tartare di ombrina con frutti di bosco e neve di piselli con l’olio d’oliva Caldera del Garda. Seguiti dal polpo verace su crosta di pane all’aglio, pomodorini confit e pesto di basilico

Dal Risotto di riso San Massimo con bisque di crostacei e aragosta di fondale con burrata liquida e crescione in germoglio, il Piatto per l’estate 2023 della Riviera friulana del Ristorante Playa. Dessert: mignon di mousse di cioccolato e caffè e tiramisù scomposto. I vini in abbinamento, Pinot Bianco, Malvasia carsolina e friulano.

Carlo Morandini

#cartadelgusto2023 #Rivierafriulana #unpiattoeunvinoperlestate : Risotto con bisque’ di crostacei e aragosta di fondale con burrata liquida e crescione in germoglio     

Territorio: arte, ambiente, paesaggio e come leggerli e interpretarli 

Evento formativo a Casa Allegra a Latisana (Ud) a cura dell’ Associazione La Riviera Friulana, ARGA FVG, Club per UNESCO Ud, Italia Nostra 

A Lignano Sabbiadoro il premio ‘Tree cities of the world’ creato da ONU e FAO 

Riprendono gli eventi ideati dall’Associazione culturale La Riviera friulana assieme ad ARGA FVG, con la collaborazione del Club per l’UNESCO di Udine e dell’Associazione Italia Nostra: sabato 29 aprile alle ore 18 a ‘Casa Allegra’, in via Volton, a Pertegada di Latisana (Ud), si terrà un evento formativo sul tema ‘Arte, paesaggio, ambiente: punti di contatto e la loro lettura’. 

L’iniziativa si terrà nel B&B della famiglia Toniatti Giacometti, e segue il corso con crediti formativi per i giornalisti svoltosi alla Galleria La Cantina di Latisana, di proprietà di Giovanni Toniatti Giacometti, sull’argomento ‘Arte e vino’. 

La prima relazione sarà sviluppata da Adriana Ronco Villotta, docente di storia dell’arte, su ‘Dall’arte paesaggistica all’arte ambientale’. Sarà poi la volta di Gabriele Cragnolinidirigente del Corpo forestale regionale e presidente della sezione di Udine di Italia nostra che spiegherà quali sono gli strumenti per ‘Leggere il paesaggi’. 

Mentre Renata Capria D’Aronco, presidente del Club per l’UNESCO di Udine, tratterà del riconoscimento ‘Tree cities of the world’ (‘Città degli alberi nel mondo’) ideato dall’ONU e dalla FAO, che quest’anno premia Lignano Sabbiadoro, Mantova, Padova e Torino. 

In particolare, la presidente Renata Capria D’Aronco si soffermerà su ‘Riviera friulana premiata per il rispetto e la valorizzazione del verde in città’. 

Condurrà l’evento il giornalista Carlo Morandini, presidente dell’Associazione culturale La Riviera friulana e di ARGA FVG. 

Nella parte orientale della Riviera friulana dai Feudi di Romans un vino emblema del territorio

#Rivierafriulana #cartadelgusto2023 : Sontium 2021 Feudi di Romans biglietto da visita

Leggi tutto: Nella parte orientale della Riviera friulana dai Feudi di Romans un vino emblema del territorio

Enzo Lorenzon ha dedicato una cuvée già affermata nei concorsi al fiume Isonzo

L’Isonzo è il fiume che ha generato la pianura isontina e che di conseguenza ha dato origine anche alle isole del litorale adriatico, tra le quali c’è Grado. Una pianura che è fatta di ghiaie, sabbie, argille, dalle quali pochi avrebbero osato pensare che si sarebbero potuti ottenere grandi prodotti enologici. Fino agli inizi degli anni ’80, nell’area considerata veniva praticata prevalentemente l’agricoltura tradizionale.
Finché la famiglia Lorenzon, su intuizione di Enzo, ha iniziato a diversificare l’attività dell’azienda fondata nel 1974, dedicandosi anche alla viticoltura. Nello stesso periodo il vigneto Friuli stava crescendo esponenzialmente, e i viticoltori facevano a gara per individuare i traguardi possibili di un settore che sarebbe divenuto il biglietto da visita del Friuli Venezia Giulia. 

Nel contempo, gli imprenditori agricoli di quelle che erano chiamate Bassa pianura friulana e Bassa pianura isontina, terre che oggi sono considerate parte delcomprensorio dal più ridente appellativo di Riviera friulana, iniziavano a dedicarsi alla vitivinicoltura, inserendo i loro prodotti nel caleidoscopio enologico nazionale.

Tra i pionieri di questo territorio, Enzo Lorenzon, passo dopo passo, negli ultimi anni coadiuvato dai figli Davide, in cantina, e Nicola, ha caratterizzato le produzioni della sua Azienda Lorenzon, creando I Feudi di Romans, che oggi occupa 70 dei 90 ettari della superficie complessiva aziendale, e ha sede a Pieris di San Canzian d’Isonzo.

Terreni sui quali si sviluppano complessità climatiche caratterizzanti: i terreni già naturalmente sapidi sono accarezzati dalla brezza marina, che si alterna alla freschezza della bora, all’umidità di un retroterra tra le acque fluviali e quelle adriatiche. È in questo habitat che crescono le viti della Doc Friuli Isonzo. 

A coronamento del percorso di crescita de I Feudi di Romans, sono arrivati risultati eccellenti a livello mondiale con il Sauvignon, che si è imposto nel Gotha delle selezioni per i prodotti da questo vitigno, ovvero il Concorso mondiale di Bruxelles, e con Sontium. 

Quest’ultimo è una cuvée ideata dai Lorenzon, che Enzo ha voluto dedicare al fiume al quale l’agricoltura dell’area deve le sue carature. Sontium è il vino che I Feudi di Romans propongono per la Carta del Gusto della Riviera friulana 2023. 

Sontium è il nome che già gli antichi Romani avevano assegnato al fiume, e che per questo ne identifica una vocazione antica allo sviluppo del territorio. Sontium è realizzato con uve selezionate dai vigneti più vecchi dell’Azienda Lorenzon delle varietà di Pinot Bianco, Friulano, Malvasia, con una piccola parte di Gewurztraminer, per dare al prodotto enologico una leggera sapidità e una nota minerale. 

Sontium è un vino di colore giallo paglierino con riflessi dorati, con un bouquet ampio e complesso, con note speziate e di frutta matura, asciutto, armonico. Si abbina efficacemente con i crostacei, il pesce pescato cotto al forno, le carni bianche. L’azienda Feudi di Romans produce ogni anno circa mezzo milione di bottiglie delle varietà che spaziano tra quelle autoctone a quelle internazionali, che raggiungono i degustatori di ventiquattro Paesi: accanto al mercato rivolto ai degustatori italiani, gli Stati Uniti, la Russia, l’Australia, il Brasile, la Cina e il Giappone. 

Carlo Morandini

#Rivierafriulana #cartadelgusto2023 : è il Traminer Campo Viola vendemmia 2020 simbolo di Aquileia

Dalle memorie dell’enogastronomo romano Apicio il vino ‘Pucinum’ gradito nell’impero: bianco o rosso?

Leggi tutto: #Rivierafriulana #cartadelgusto2023 : è il Traminer Campo Viola vendemmia 2020 simbolo di Aquileia

L’Azienda Brojli della famiglia Clementin propone il bianco dal sentore di rosa per il 2023 

Fin dai tempi antichi ad Aquileia si produceva un vino bianco dal bouquet intenso, floreale e complesso, con un fondo di mineralità e lievemente sapido.
Se ne parlava spesso nelle serate de ‘A tavola con gli antichi romani’, un titolo ovviamente eufemistico che sottintendeva appuntamenti di matrice culturale.

Nel caso un circuito di incontri enogastronomici nei ristoranti dell’aquileiese, nel corso dei quali si proponevano ricette ispirate agli scritti di Apicio, il primo cronista enogastronomico conosciuto, risalente all’antica Roma, assieme a interventi rievocativi, allo sviluppo degli esiti di ricerche storiche e archeologiche, al ricordo di frammenti della vita com’era ad Aquileia duemila anni fa. Spesso, dalla lettura dei documenti dell’epoca ridondava la citazione del Traminer prodotto da un vigneto a Viola, la ok piccola frazione del Comune di Aquileia tre chilometri a sud della città romana, a breve distanza dagli argini della laguna di Grado tra Fossa vecchia e la frazione di Belvedere.

Oggi quel vino è ricercato dagli appassionati del Traminer aromatico, ed è realizzato da Vini Brojlidi Aquileia, della famiglia Clementin. Parliamo del Traminer aromatico Campo di Viola, Doc Friuli Aquileia, questa volta della produzione 2021.

Una gradazione alcolica di 13°, sentori floreali di rosa con il gusto intenso, aromatico e persistente con un fondo di mandorla amara.

Le viti vengono coltivate su un terreno prevalentemente argilloso che consente una resa per ettaro ottimale e in linea a quanto previsto dal disciplinare. Per ottenere il risultato migliore, Brojli porta il mosto a fermentazione e maturazione in botti di acciaio inossidabile a temperatura controllata.

Ecco che si abbina a piatti a base di pesce, formaggi a pasta morbida ma si presta anche alle esportazioni perché, è stato riscontrato, si sposa anche con i piatti della cucina orientale.

Dunque, il Traminer Campo Viola, che ha origine nel toponimo che è un’icona per questa varietà, potrebbe sottratte il ruolo di testimonial del gusto dalle memorie dell’antica Roma al Refosco dal Peduncolo Rosso.

È in atto, infatti, un confronto tra gli storici e i ricercatori per comprendere se il mitico ‘Pucinum’ evocato da Apicio fosse un vino da uve a bacca bianca o rossa.

Una disputa che evidenzia il valore storico, culturale, anche agronomico dell’agricoltura aquileiese che ha stimolato la famiglia Clementin a perseguire la strada della crescita e dello sviluppo della qualità. 

La storia ha origine dalla vita di campagna, dall’amore per le terre rivierasche di papà Orlando, a Terzo di Aquileia, dove Franco Clementin ha alimentato la percezione delle potenzialità dell’area, l’intuizione che ha motivato i pionieri della Riviera friulana insistere su terreni apparentemente incoltivabili, ma anch’essi capaci di ricevere un patrimonio viticolo capace di restituire produzioni vinicole di pregio che gli enologi avrebbero poi potuto proporre con eleganza e un adeguato appeal.

È il biglietto da visita dei vini rivieraschi, che ad Aquileia, in via Beligna, la strada che va dalla direttrice sud di Aquileia, verso Grado, a Fiumicello, ha una vetrina particolare alla cantina Brojli, dei Clementin, dove Franco con la moglie Liliana, e il figlio Antonio propongono a turisti e appassionati una linea di vini rappresentativa della viticoltura dell’area. 

Una location suggestiva, quasi una vetrina, un balcone per la degustazione affacciato sulle terre rurali aquileiesi, che ha come skyline la Basilica di Aquileia. Un sito che riesce ad attrarre gli enoturisti che rivolgono la loro attenzione alla Laguna di Grado, all’Isola d’oro, alla Riviera friulana e ci arrivano non soltanto dalle grandi vie di comunicazione, ma ormai anche dalla ciclovia che arriva da oltralpe e dai percorsi ciclabili che costellano la Riviera friulana.

Ma anche, la distanza è breve, risalendo il Natissa che è navigabile con imbarcazioni adeguate fino ad Aquileia

Carlo Morandini              

Rivierafriulana: da Latisana parte formazione triennale per giornalisti FVG

#ciboearte : un soggetto che accomuna una molteplicità di artisti e maestri dell’arte

Appello contro la liberalizzazione dei cibi sintetici  

Leggi tutto: Rivierafriulana: da Latisana parte formazione triennale per giornalisti FVG

Quando l’attualità è il punto nodale della formazione dei professionisti della comunicazione e della informazione. 

Il primo dei corsi riconosciuti dall’Ordine dei giornalisti per il nuovo triennio formativo obbligatorio (2023/2025) nel Friuli Venezia Giulia si è tenuto a Latisana (Ud) alla Galleria Toniatti, e aveva per tema il cibo, letto e raccontato attraverso la ricerca nel mondo dell’arte, la tutela e valorizzazione delle specificità sancita dall’UNESCO, la messa in guardia dall’introduzione di cibi sintetici dal mondo della medicina. Nel porgere il benvenuto ai presenti, Giovanni Toniatti Giacometti, latisanese, personaggio della cultura rivierasca e internazionale, pittore, scrittore, poeta e musicista, si è soffermato sulla sinergia in atto da tempo con l’Associazione culturale La Riviera friulana, il sodalizioorganizzatore dell’evento assieme all’Associazione regionale della stampa agricola, agroalimentare, ambiente e territorio con la collaborazione del Club per l’UNESCO di Udine e dell’Associazione dietisti italiani. 

Il corso è stato aperto dal presidente di ARGA FVG, Carlo Morandini, il quale ha tracciato il filo conduttore degli interventi toccando i temi della salvaguardia dei marchi, dei prodotti tipici, delle denominazioni, delle tipicità, della cultura del territorio e del rischio che una cattiva informazione possa distogliere i cittadini e le lettrici e i lettori, o i radio-telespettatori, dai valori alla base della civiltà contadina. Valori e certezze grazie alle quali oggi possiamo ancora contare su una adeguata qualità della vita e della salute. La prima relazione, quella che ha dato il ‘la’ al corso, è stata sviluppata dalla giornalista Adriana Ronco Villotta, studiosa del mondo dell’arte, che ha accompagnato i corsisti su un itinerario narrato e visivo, articolato tra le pieghe della storia dell’arte, i racconti del Vasari, le immagini dei capolavori pittorici e figurativi di ogni epoca. Fino ai quadri, alle installazioni e opere, pittoriche e non, che sono già nella storia dell’arte o sono esposte nei musei del mondo, dalla National Gallery, al Prado, alla Galleria Guggenheim, e altro ancora. 

Il tutto per spiegare che il cibo, per l’uomo, rappresenta un rapporto non soltanto alimentare e salutistico, ma anche culturale perché stimola negli artisti il desiderio di essere rappresentato nei suoi aspetti più affascinanti.
Quel tipo di rapporto che ha motivato l’UNESCO a inserire la ‘Dieta mediterranea’ tra gli elementi da tutelare in quanto ‘Patrimonio immateriale dell’Umanità. 

I motivi di fondo, gli effetti della scelta di tutela globale sono stati ribaditi da Renata Capria D’Aronco, docente e Presidente del Club per l’UNESCO di Udine. D’Aronco ha ricordato che la ‘Dieta mediterranea’ è parte della nostra vita quotidiana perché è l’essenza della nostra civiltà e della nostra cultura. È l’immagine della crescita di un territorio come quello rivierasco divenuto attrattivo per milioni di persone. Ma è tuttora oggetto di studi, ricerche, approfondimenti scientifici che hanno l’obiettivo di aggiungere elementi al bagaglio della conoscenza. 

A supporto del suo percorso didattico sono intervenuti i docenti Edo D’Agaro e prof.  Rosa dell’Università di Udine, il primo co-autore di un libro sulle specie ittiche autoctone friulane (‘Strategie di conservazione e gestione dei salmonidi autoctoni italiani’) e autore di ricerche sull’alimentazione. 

Proprio sull’alimentazione la relazione di chiusura del corso da parte di Claudio Lucas, medico-dietologo, dell’Associazione dietisti italiani, che tralasciando i dettagli della valenza della ‘Dieta mediterranea’ già noti e consolidati, sui quali, anche se in parte, si erano soffermati i relatori precedenti, ha lanciato un allarme sull’introduzione nell’alimentazione umana dei cibi sintetici: la struttura molecolare degli insetti contiene elementi che non sono assimilabili dall’uomo e possono produrre gravi danni all’organismo. Elementi che entrerebbero nell’alimentazione umana anche se utilizzati nell’alimentazione degli animali perché veicolati dalla catena alimentare. Una posizione condivisa espressamente da ARGA FVG che a tale proposito ha approvato unanimemente un documento un mese fa, a tutela dei sapori tipici locali in quanto baluardo della identità locale e della cultura del territorio, ma anche presidio della salute. 

Una posizione, rispetto alla quale si è espresso nei giorni scorsi il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia con una mozione che sarà condivisa dal Presidente Piero Mauro Zanin con i Presidenti dei Consigli regionali di tutta Italia.

In chiusura Amos D’Antoni, Presidente onorario di ARGA FVG, ha anticipato alcune decisioni dell’Ordine dei Giornalisti rispetto alla formazione permanente ma ha anche ricordato significative esperienze personali nell’area rivierasca e nel mondo rurale, nonché la sua presenza tra i redattori della popolare rubrica radiofonica La vita nei campi, su RAI Radio 1 FVG.

Al termine del corso Giovanni Toniatti Giacometti ha proposto ai presenti una degustazione dei vini delle Aziende agricole Toniatti, che condivide con i fratelli Livia e Roberto. Prosecco, Prosecco Rosé Millesimato, Rosé, Sharif, dedicato a uno dei cavalli vincenti usciti dalle scuderie Toniatti di Latisana (Ud) e San Michele al Tagliamento (Ve) della razza di trottatori Jet. Abbinati a prodotti locali, alle uova sode macerate nell’aceto balsamico, al salame nostrano della norcineria più vicina della Riviera friulana. A confermare l’attenzione delle Aziende Toniatti per il territorio, la sostenibilità, lo sviluppo sostenibile. 

San Valentino… continua!

Sembra quasi una delle frasi chiave di un gioco televisivo, invece rispecchia la realtà in virtù di una ricorrenza centenaria: l’incontro da Lucia Savorgnan e Luigi Da Porto, avvenuto a Udine in quella che oggi è piazza Venerio, allora un palazzo nobiliare, a una festa da ballo carnascialesca il 26 febbraio 1511, 512 anni fa. 

(altro…)

Al Club per l’UNESCO di Udine il primo adesivo 2023 della Riviera friulana

Leggi tutto: Al Club per l’UNESCO di Udine il primo adesivo 2023 della Riviera friulana

È il simbolo della rinnovata appartenenza all’Associazione culturale rivierasca

La consegna del presidente Carlo Morandini alla ‘chair girl’ del Club per l’UNESCO di Udine,Renata Capria D’Aronco.

Il primo adesivo che distingue gli aderenti all’Associazione culturale La Riviera Friulana per il 2023 è stato consegnato al Club per l’UNESCO di Udine, il sodalizio profondamente impegnato a valorizzare la cultura del territorio che sostiene l’idea rivierasca fin dalla sua nascita, avvenuta diciassette anni fa. Il simbolo dell’appartenenza annuale al progetto, che raffigura un’antica mappa del Friuli patriarcale, è stato consegnato dal presidente Carlo Morandini a Renata Capria D’Aronco. Si tratta di una figura emblematica del volontariato culturale friulano, portavoce a livello internazionale dell’organizzazione nata negli anni ’40 per tutelare e valorizzare le ricchezze rappresentate da eccellenze del patrimonio immateriale che sono disseminate sul globo. La D’Aronco assieme al Club per UNESCO di Udine è da sempre presente accanto a La Riviera friulana rivierasco nell’organizzazione e rafforzamento di eventi e iniziative destinate a voce e visibilità alle peculiarità dell’area compresa tra i bacini dei fiumi Tagliamento e Isonzo, tra il litorale e la linea delle risorgive friulane, soprattutto nel lavoro di raccordo e messa in rete delle ricchezze locali di valenza territoriale. Non solo, ma la collaborazione è da sempre attiva anche nelle iniziative e campagne di sensibilizzazione su problemi, pericoli, dubbi, ma anche sulle opportunità derivanti e,o, insite nelle decisioni prese altrove, che sempre più spesso rischiano di incidere, positivamente e non, sulla nostra quotidianità a livello culturale, sociale, di costume, nella qualità della vita e a volte anche sulla salute. È il caso dell’alimentazione, rispetto alla quale il Club per l’UNESCO di Udine si spende prioritariamente a sostegno della Dieta mediterranea, modello nutrizionale scientificamente riconosciuto come salutistico e antitetico ai tentativi di introdurre nei cibi elementi estranei alla nostra tradizione e alle nostre abitudini alimentari. Elementi, che principalmente coincidono con la salute e la qualità della vita. Il Club per l’UNESCO di Udine, ha ricordato nell’occasione il presidente Morandini, vanta un risultato di rilievo internazionale. È infatti stato promotore dei cinque siti Patrimonio dell’umanità che fanno del Friuli Venezia Giulia,la Regione alla quale è stato riconosciuto il maggior numero di siti UNESCO: Aquileia, Cividale, Palmanova, Palù del Livenza, Dolomiti friulane.   

Mirabilia, il patrimonio Unesco che fa volare l’economia

 Il network di cui è partner la Camera di Commercio Pn-Ud mette in rete e sviluppa le imprese dei territori che ospitano siti tutelati come Patrimonio dell’Umanità: in Fvg ben cinque 

 Il Friuli Venezia Giulia sul suo territorio racchiude ben cinque siti tutelati come Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco: Aquileia, Cividale, le Dolomiti friulane, Palmanova e Palù di Livenza.

Con la forza di questa preziosa presenza, la Camera di Commercio Pordenone-Udine ha aderito fin dalla nascita al network nazionale (e internazionale) Mirabilia. Di che cosa si tratta?

Le Camere di commercio – che in Italia rappresentano un esempio di rete diffusa con medesimi standard di efficienza – hanno deciso di creare un network tra economie di città che ospitano siti Unesco, con la voluta eccezione di quelli già universalmente noti, per promuoverli in maniera coordinata e strutturata ai turisti italiani e stranieri.

Il progetto camerale Mirabilia è nato dopo un primo esperimento nel 2012 dal titolo UniamoUnesco, allargatosi nel 2014 a dieci città: Brindisi, Genova, L’Aquila, La Spezia, Matera, Perugia, Salerno, Udine, Vicenza e Padova. 

L’idea che sottende alla rete Mirabilia è proprio quella di utilizzare la potenza attrattiva dei siti Unesco per accrescere il turismo nei territori, con ciò espandendo i benefici innanzitutto alle economie affini all’ospitalità pura, come quelle della cultura, dei servizi, della creatività, per apportare un beneficio più ampio e complessivo all’intera economia delle aree coinvolte. 

Mirabilia mette in collegamento, per la prima volta, aree accomunate dall’importanza storica, culturale ed economica.
L’intento di fondo è arrivare a creare innovativi pacchetti turistici pensati su misura per collegare fra loro le destinazioni Mirabilia, con offerte differenziate per tre diverse durate: week-end, week-end lungo e settimana.

Si permette inoltre alle imprese del turismo culturale di incontrare buyer e operatori turistici di tutto il mondo tramite incontri B2b come la Borsa del turismo culturale – ospitata a turnazione nelle città partner di Mirabilia, che ha toccato anche Udine nelle scorse annualità. 

 PER APPROFONDIMENTI  Clicca QUI

Lignano Sabbiadoro è sempre tra le prime realtà a sostenere l’idea rivierasca

. La capacità di mettersi in rete e di interagire con il retroterra è da alcuni anni considerata uno degli elementi prioritari dello sviluppo e della valorizzazione del territorio rivierasco come della città balneare e del suo litorale. Programmi, attività, iniziative considerano le potenzialità attrattive di un’offerta integrata e articolata, tale da assecondare con efficacia le aspettative di un pubblico vasto, ma anche quelle dei turisti più attenti agli aspetti peculiari e alle chicche iconiche presenti assieme alle ricchezze tradizionali delle lunghe spiagge adriatiche. A credere fin dalla sua fase germinale nell’idea rivierasca è l’assessore comunale al Turismo di Lignano, Massimo Brini. Il quale, oltre a sostenere e a partecipare a tutte le attività della Associazione culturale La Riviera Friulana, anche sulla scorta delle esperienze maturate invita dal suo mandato le attività e gli operatori del retroterra a presentarsi nella città balneare per offrire agli ospiti di Lignano in presenza uno spaccato delle ricchezze che compongono la Riviera friulana.

Wir haben eine Frau Freund geküsst. Hat Sie Erhalten Gefühle für mich persönlich ?

Leser Frage:

Sie werden diese weibliche Freundin finden. Sie glaubt Ich würde Schatz erstellen}, aber sie behauptet es gibt absolut keinen Funken. Eine Nacht direkt nachdem wir gesucht haben gefeiert haben, ich habe die Entscheidung getroffen zu Kuss die Dame. Sie küsste mich zurück einen bedeutenden bedeutet.

Wir haben darüber gesprochen, wir haben darüber gesprochen, wir haben darüber gesprochen, und sie hat gesagt, sie hat nur erwähnt nur geküsst, weil sie am Ende beschwipst war und tatsächlich beschwipst war und sie mich nie persönlich geküsst hätte } nüchtern. Das endete in einer Meinungsverschiedenheit, weil sie am Ende handeln genau das gleiche von genau wie sie arbeitet nüchtern, und ich auch sagte sie höchstwahrscheinlich hatte der Wunsch, zu küssen aufgrund genau wie sie küsste ich persönlich gerade zurück.

We entschuldigte sich daher sind Rücken an Rücken zu sein in normal.

Glaubst du sie hat Gefühle für mich persönlich? muss ich küssen diese Dame noch einmal?

-Oliver (Karibik)

Dr. Wendy Walshs Antwort:

Oliver,

Diese Frau ist tatsächlich täuschen zusammen mit Ihrem Verstand. Initial beleidigt sie dich, indem sie behauptet du wärst sicherlich ein weniger als perfektes Schatz, und sagt sie behauptet du wirst nur wohl wert küssen wann sie ist tatsächlich betrunken.

Ich würde Platz ihr direkt während buddy zone ansehen. Sobald Sie all Elektrizität entfernen, sehen genau wie sie reagiert.

Wenn sie spielt schwer zu bekommen um wirklich zu retten die Frau Ruf, sie wird muss verfolge.

Keine Anleitung oder Therapie Beratung: Die Site wird anbieten Psychotherapie Anleitung. Die Site ist vorgesehen nur für Nutzung durch Käufer auf der Suche nach allgemein Details von Interesse Probleme Männer und Frauen können als Individuen behandelt werden zusammen mit Verbindungen und relevanten Themenbereichen. Material ist nicht entworfen} ändern oder dienen als Ersatz Professional Beratung oder Lösung. Enthalten Beobachtungen und Ansichten sollte nicht falsch verstanden als besonders Beratung Informationen.

https://www.reifefrauendating.de/senioren-dating.html

Dating Apps befreit Verwendung in 2021

Budgetbewusste Singles häufig wählen Matchmaking anwendungen die sein können befreit nutzen weil, Seien wir ehrlich, Online-Dating ist teuer genug ohne Hinzufügen Mitgliedschaft Gebühren in die mix. Basierend auf eine Forschung, der Durchschnitt Amerikaner unverheiratet {gibt|mehr als $ 1.596 für Internet-Dating aus jedes Jahr.

Auf jeden Fall große Stückzahl von Änderung, anstatt jeder kann leisten solche eine Lebensweise. Das Gute ist können budgetbewusste Daten Wege finden Ansätzen Ergebnis in Erfahrung billiger. Anmelden für kostenlos Beziehung App tendiert dazu, guter Weg zu sein, um Geld und treffen Menschen, die ausdrücken ähnliche Überzeugungen und Ziele.

Wir haben jetzt die Matchmaking Welt zu entdecken erschwinglich Online-Dating Programme geben neues iphone und Android os Menschen die meisten Wert ohne Druck eigenen Geldbörsen. Werfen Sie einen Blick!

Navigieren Dieser kurze Artikel:

Alle Dating Experten haben geprüft unzähligen Online-Dating-Sites und Apps im Laufe der Jahre, sowie lernen erfolgreich wann immer sie einen sehen. Das Allerbeste Beziehung Programme Give Singles eine gute Menge koordinierenden, durchsuchen und chatten Auswahlmöglichkeiten damit sie auschecken ihre einzigartigen Lösungen und entdecken zu finden und zu lokalisieren sie wünschen.

Ob Sie attraktiv finden sich niederlassen geradeaus mit jemandem oder einfach sichern gerade runter ein Date für Freitag Nacht, Sie benötigen die nachfolgenden kostenlos Internet-Dating Apps als Go-to matchmaking boden.

Die Geschichte von Match.com begann 1995, als es war unter den ersten Online-Dating-Dienste in diesem Bereich. In der Vergangenheit wurden Singles angesehen Konferenzen Einzelpersonen im Internet als seltsam, hoffnungslos, und auch gefährlich. Aber Gegenwart mehr technisch versierte Generation von Singles nicht sorge dich darum so

Match geändert verwendet Instanzen und entwickelt ein Matchmaking System, das anspricht Menschen von allen Altersgruppen und Erfahrungen. Der Gigant Internet-Dating Geschäft auch {startete|gründete|eine App im Jahr 2010 zu tragen seine Lösungen zu einem mobilen Publikum zu bringen.

Sie können installieren ergänzen kostenlos aus dem Anwendungssoftware Store oder Google Play. Von der Persönlichkeit Bewertung {Zum|Für|Auf dem|Zu|In|In|Mit|Mit|In|In Richtung|Auf|Auf dem Weg zum {möglichen Spiel Vorschläge werden Sie Sie werden entdecken einige fantastisch kostenlos Features hier führen eins zu {Romantik|Liebesbeziehung |. Über 250.000 brandneue Personen treten dem Netzwerk jeden Tag, nein Online-Dating-Sites Service hat tatsächlich mehr Erfolge Geschichten zu seinem Namen.

EliteSingles ist eine Top-Qualität Beziehung System gemacht für Hilfe einsam Experten befriedigen einander. Es ist wirklich ungefähr Qualität über Quantität hier. Über 82 % der EliteSingles Personen haben die Hochschule abgeschlossen, und über 90 Prozent sagen in ihrem Online-Dating Profile dass sie Verbindung.

Es ist frei,. ich hatte zu erleben ungefähr des Optionen etwas, trotzdem das Individuen Im sein vorgeschlagen werden spezifisch genau wer ich werde suchen. Bis heute Bis jetzt, brillant. “

Zoosk ist tatsächlich ein schnelles Dating Anwendungssoftware gebaut zu werden erscheinen und fühlen wie ein soziales Netzwerk Plattform. Das bedeutet Sie haben einige interaktiven Attribute in unmittelbarer Nähe, wie der Macht zu senden Flirts, Winks, Kommunikation, digital Geschenke und einleitende Grüße.

Über 30 Millionen Menschen haben installiert Zoosks App () und ist kostenlos online Enjoy und App Store, übrigens) und versuchte es, um nach oben ihre, weil seine High-Tech-Dating Software -Entwicklung Gruppe gezogen um alle verhindert zu generieren Verbindungen “Unterwegs”.

Zoosk verwendet ein Verhalten Matchmaking Programm, das bezahlt darauf achten,, welche Benutzer du bevorzugst unmittelbar danach vor vergleichbare Seiten für Karussell ansehen und SmartPick Abschnitte. Wie Sie mögen, Unterbringen und Chat, die App {wird|in Bezug auf Ihre Online-Dating Geschmäcker und kuratieren angepasste Liste Süßen nur für Sie.

Als eharmony im Jahr 2000 gegründet, veränderte es die internet dating scene durch das Bereitstellen einer Psychologie -basierte Quelle für Singles Suchen Verfolgen eine langfristige Vereinigung. Das Internet-Dating System wurde erstellt zu bestimmen strong Kompatibilität, Paar erfreut Paare und Stärkung der Einrichtung der Beziehung.

Bis jetzt war es war ein mitreißender Erfolg. Die Mehrheit der Eharmonie Benutzer befriedigen ihren Ehepartner innerhalb von pro Jahr Entwickeln eines Profils auf der Internetseite

in dieser Saison enthüllte eharmony angekündigt die {Veröffentlichung|von der Eharmonie Anwendung, die zur Verfügung stellt bietet 3.6 Darsteller in software shop. “wir geliebt diese App, und es gerichtet uns zu treffe mich mit dem Mann Ich werde heiraten, ” sagte Dolphinmb2 in einer Bewertung. “Am Ende von fast alles, ich stieß auf mein persönliche Seelenverwandte, und ich können nicht Betrachten Sie eine viel bessere Überprüfung als das. “

Wenn Sie möchten Begleiter, dann ChristianMingle sein Antwort auf sein eigenen Gebete. Diese wertebasierte Dating-Website und Application können Singles befähigen Stabilität und Funktion.

Christian Mingle Funktionen gewachsen eine Online Community von Gläubigen genau wer kommt allen Teilen der Gesellschaft. Das Matchmaking App Umarmungen Single Erwachsene aller Ereignisse, Glaubensbekenntnisse, Jahrhunderte und Erfahrungen. Und ab 2016, ChristianMingle kann erwartet ist eine gültige aktuelle E-Mail-Adresse oder Facebook Login. Sobald Sie vollständiger Benutzer sind, möglich sich und biraziale Singles in bedeutenden Orten innerhalb Kommunikation Programm durch Sprengen von Nachrichten an so viele attraktive Leute so gut wie möglich. Alles in allem, du wirst nie wissen was wird stellen. In einem einzigen Monat, POF Benutzer übermitteln über 1 Milliarde Kommunikation durch System. Was ist viele pickup Linien!

Es ist keine Überraschung Spezialisten tatsächlich gefeiert genug Fisch gegeben das größte Dating-Website für Gespräche. Wenn Sie unterhalten sollten und vielleicht ein bisschen flirty, kann POF link vielen großes Datum Kunden international.

Zustand was du solltest in Bezug auf Zunder geht, aber es ist wahrscheinlich populärsten Beziehung Programme jemals für gute Erklärung : Wischen.

Im Jahr 2012 hat Tinder entwickelt ein Internet Beziehung geklaut System, das Singles gegeben hat die Fähigkeit zu wählen wer auftauchte in ihrem Posteingänge. Andere ist tatsächlich Hintergrund. Bis jetzt hat Tinder mehr als 33 Milliarden Anzüge gemacht|, plus es verspricht Pflicht für mehr als 1,5 Millionen Daten jede Woche.

Tinders Motto ist tatsächlich “ledig, vielleicht nicht sorry” und sein besonderes praktisches online mit zwei einfachen Wörtern: Frauen 1st.

Bumble fördert Damen um das allererste Schritt, Bildschirm ihre eigene eingehende Nachrichten, und sicherstellen, dass jede potenzielle Übereinstimmung {etwas ist|ist eine Sache|ist eine Sache|ist eine Aktivität, die sie wirklich wollen, wirklich wollen, verfolgen wollen. jedes Mal ein Mann und eine Frau passen auf Bumble zusammen, die Dame muss senden eine Begrüßung in 24 Stunden oder weniger, oder vielleicht wird die Verbindung verschwinden. Die Spannung ist eingeschaltet, zusätzlich zu Spiel tatsächlich im Gange, sehr raus Wahrheit dort gesagt werden und beginnen koordinieren!

Singles von bestimmten Alter oft glauben außerhalb eigenen Komforts zone während des Online-Dating-Sites ansehen Welt. Sie häufig wissen nicht die Richtlinien oder Etikette von Internet-Dating, und es wird schwierig anziehen Aufmerksamkeit wann immer {konkurrierend|konkurrieren|Kämpfe mit 20 und 30 auf einer jugendgetriebenen Beziehung Software.

Zum Glück, einige ältere Matchmaking Anwendungen tatsächlich gegründet zu geben Singles über 50 die Chance eigenen Gebiet. Hier Kostenlos Anwendungen für Apple’s iOS oder Android os dienen erwachsenen Publikum und bieten hervorragend koordinierend Chancen.

SilverSingles ist tatsächlich einzigartiges Beziehung Gebiet für Singles Anwenden eines Pay-to-Chat System und Bewerten neu Mitglieder sofort. Benutzer können bewerten diese Internet-Dating Schutz Tipps zu zu lernen zu verhindern risikoreichen Bedingungen fernzuhalten und place fake Seiten und verdächtig Zeichen.

OurTime ermöglicht es Ihnen den den Dreh raus von Online-Dating Online-Foren und Teilen Ihre Ideen, Begegnungen und Meinungen zu ein beträchtliches Publikum von Singles.

SeniorMatch gab es ein wirksames langes while, und hat jetzt einige erstaunliche Statistiken zu sichern seinen Eigenschaften. Die Arbeitsplattform hat über 6.000 jeden Tag effektiv Menschen und inspiriert über 1,6 Millionen Gespräche für normalen Monat ansehen. Zusätzlich hat SeniorMatch über 36.600 Erfolg erhalten|Geschichten von Liebenden wen fand in diesem Senior Nachbarschaft.

SeniorFriendsDate ist ein vollständig kostenlos Dating-Internet-Site dass sorgt älteren Bevölkerung versorgt. Während es ist nicht ein neues iPhone App, diese Seite tatsächlich mobilfreundlich, Ihnen sich auf Ihrem neues iphone oder Android os Gerät, ohne irgendetwas herunterzuladen so etwas.

Sie brauchen einfach eine gültige aktuelle E-Mail-Adresse zu erhöhen Zugänglichkeit des SeniorFriendsDate Gesellschaft. Sobald Sie Einrichten Ihr haben , du wirst content jede Person du liebst ohne veröffentlichen die Kreditkarte Information oder Anmelden eine teure Prämie Matchmaking Registrierung.

Aufgrund der Tatsache SeniorFriendsDate group sagt, “Wir greifen Zufriedenheit im Beginnen eine Dating-Site mit Herz. Keine Videospiele ohne Müll. Es ist nur authentische Matchmaking {echte|echte|Singles über 50. ” Ist nicht kein Problem daraufhin.

Internet-Dating könnte ein Spieltitel Changer für LGBTQ Neighborhood geht {weil es|seit es|wie es|vorausgesetzt, dass es {Funktionen etabliert Singles bis zu eine Welt von leidenschaftlichen Möglichkeiten. Abrupt, so lange müssen verlasse dich auf deinen diesem koketten Crew beitreten möchten, nächste install dieses erstaunliche schwulenfreundliche dating apps.

Über 4 Millionen Frauen haben ihr angeschlossen, und Einschreibung jeden Tag. Die lesbische Matchmaking App Zubehör einen sicheren Zufluchtsort für Lesben, Bisexuelle, Transsexuelle und Queer Frauen – und Moderatoren dazu neigen, schnell entfernen alle Männer genau wer schlüpft weniger als das Radar.

IHR ist weit mehr wie ein Wohngebiet als ein Matchmaking App. Du wirst sehen einen Newsfeed von Material eingereicht von Benutzern, und du darfst diskutieren Status oder Bilder machen ein einzigartiges Kumpel. Es ist auch möglich RSVP Anlässe in Ihrer Stadt queer. Diese Anlässe variieren in Größe von Hinterhof BBQs bis zu stadtweiten Pride Parades.

Womxn bekommen involviert und fühlen einem Gefühl von das gehört am. Wenn Sie proaktiv, gutmütig und nicht ein Idiot sein sollten, sollten Sie in der Lage sein einige echte Verbindungen in App und möglicherweise in der an viele erfreut Paare Verwenden des Hashtags WeMetOnHER .

Grindr ist nur eines der allerersten Anwendungen zu nutzen standortbasierte Optionen zum Zünden Echtzeit Übereinstimmungen, betreut ist buchstäblich eines der beliebtesten schwul Beziehung Software aller Zeiten. Get Figur.

Sobald Sie Grindr beitreten, {können Sie|Sie können|Sie können|tatsächlich sehen, das ist unverheiratet und in deiner Umgebung die ganze Zeit. Wohin du gehst, Grindr wird hinter den Kulissen sein und das Internet-Dating Schwimmbad und Unterscheiden Datum Interessenten was vielleicht bloß Beine von. Während viele Jungs dies nutzen Anwendung für informelle Verbindungen, einige Grindr Benutzer tatsächlich getroffen ihren einzigartigen Männern und Partnern in Bezug auf die app.

“es gibt verschiedene andere Methode, aber zu {tauchen|tauche ein springe in die app und wirklich mach es jetzt “, sagte sagte einen 22-jährigen Grindr Einzelperson bekannt als Chris. “Sie lernen das, was Sie mögen, was Sie du solltest nicht, welche Art von Männer und Frauen du bist und welche Art von Dialog bist auch neben. “

MenNation ist zweifellos mehr von informellen Verbindung website als eine Dating-Website. Die Arbeitsplattform erlaubt ledig Männer und homosexuell Paare generiere anonymes Online-Dating Seiten und Blog-Post und enthülle Fotos, die wenig wenig in Kreativität.

Dutzenden von MenNation Benutzern haben geschlagen nach oben heiß Männer und erbeten Geschlecht durch exklusive Chats und Party Community-Foren. Sie können loslassen {Ihre|eigenen|Hemmungen wenn du bist hier wie du bist umgeben von geil Jungs die wollen kombinieren Dinge nach oben ohne erzeugen ein großes Hingabe.

Während MenNation nicht immer hat viele Bewertungen oder Erfolge Geschichten, es ist oft {in Unternehmen, das seit 1996 ein Unternehmen in Betrieb ist und auch den des Seins die ganze Welt ist die am längsten laufende schwul Verbindung site.

Das Gleiche {Personen, die|Personen, die|Personen, die|MenNation erstellt haben, LesbianPersonals die Messaging, Film Chat, auch kitzelnden Funktionen.

Einige online Daten wünschen Ihr ganzes neun Gärten – Liebe, Ehe, Kinder, Älterwerden Zusammen die meisten Menschen sind darüber Leben. Dating hat nicht werden eine Ewigkeit Gelübde. Es kann du musst sein jede Nacht von Spaß und Liebe sein . Nichts falsch damit! Diese erstaunliche kostenlose Verbindung Anwendungen könnte helfen Singles (und Swinger) genießen intime Heldentaten mit heißen Mitarbeitern.

BeNaughty ehrlichsten Verbindungen Plattformen mit effizienten koordinierenden Methoden und nützlich Matchmaking Filtersysteme um dich wirklich zu bekommen der Ort, für den du sein willst – von Hände eines heißen groß betrachten Datum.

Sie können beginnen Ihre Verfolgung nach Liebe innerhalb der Like -Galerie ansehen, in welcher Menschen schnell wischen Sie durch Konto Fotos, Sie können auch Schauen Sie vorbei bei der Suche case um Daten nur wer treffe Ihre Erwartungen in Bezug auf Alter, Gebiet , Aussehen, ethnische Zugehörigkeit und Lebensweise.

Ein weiteres lustiges Funktionselement auf BeNaughty ist das sein Kapazität zu {senden|Liefern Sie eine vorab geschriebene Information an alle oder an Verbraucher wen passt zu deinem Beziehung Bedingungen. Unterstützt durch das Klick einer Schaltfläche, es ist möglich stell dich dir einer Welt von|a eine ganze Menge einer Umgebung voller flirtender Singles und Erwachsener Internet-Dating Auswahlmöglichkeiten. Dies kann sein nur erfordert ein bisschen Messaging um etwas geschehen.

Mit weit über 100 Millionen Menschen global bietet AdultFriendFinder Funktionen {a tonnenweise|eine Menge|eine riesige Menge|einer Menge|bezaubernder Alternativen für Singles und Swinger den meisten Orientierungen und Geschlecht Identitäten. Es ist einfach navigieren diese Verbindung Website und arrangieren von Angesicht zu Angesicht Aktivitäten mit Singles “DTF” oder Suchen “NSA {Gesch

http://www.partnersuchenab60.com/sugar-daddy-dating.html

Traminer e Riesling, vista basilica romanica e in bici fino alle rive del Tagliamento dove sostò Hemingway

La sapidità dei vini dove l’acqua salmastra affiora tra le vigne e una terrazza dal sapore germanico a Pineta

Da Grado ad Aquileia (Ud), antica città romana con i resti che ci testimoniano l’antica civiltà forse meglio conservati del Nord Italia, seguendo il percorso che per le vie carriabili affrontavano i legionari per rientrare nella capitale dell’Impero, e accanto al fiume Natissa, lungo il quale nel secolo scorso si è sviluppata un’attività cantieristica per grandi sloop a vela di fama internazionale che i fondatoricome Rinaldo Puntin ricorda a cinquant’anni dalla fondazione. 

Fiume, che consentiva ai Romani di trasportare le merci fatte arrivare al porto di Aquileia per la via Annia e le strade consolari dalle Alpi, in barca fino all’Adriatico attraversando anche la Laguna di Grado. Prima di Aquileia si arriva in via Beligna, la strada quasi interamente rettilinea che porta a Fiumicello, il paese delle pesche, ma dove si incontra subito l’azienda vitivinicola Brojli, della famiglia Clementin

Originata dall’attività agricola di nonno Orlando, a Terzo di Aquileia (Ud), è stata sviluppata dapprima nel Comune contiguo dal figlio Franco. 

Oggi ad Aquileia valorizzando un preesistente fabbricato agricolo per farvi, accanto alla cantina il punto degustazione che si avvale di un suggestivo plateatico sul prato esterno, con sullo sfondo la skyline impagabile dell’antica basilica di Aquileia. 

Franco, oggi assieme al figlio Antonio in cantina, alla moglie Liliana e alla figlia Sveva ha valorizzato i vitigni autoctoni accanto a quelli internazionali, sempre richiesti soprattutto dai numerosi turisti austriaci e tedeschi che arrivano fin qui anche dalla ciclabile raccordata con la Ciclovia 1, Alpe Adria, e la direttrice per Grado

Con gli asparagi di Fossalon, terreni sabbiosi a pochi chilometri di distanza da qui, Franco e Antonio suggeriscono il Traminer Campo di Viola, un sito che si ritiene coltivato a vite già dai romani, vino presente sulla Carta del gusto della Riviera friulana

Oppure un più minerale ma bilanciato e sapido Riesling. 

Rotta verso la foce del Tagliamento dove Hemingway fu incantato dal grande fiume

Sul versante opposto dell’area da noi considerata, sulle rive del Tagliamento, dove lo scrittore americano Ernest Hemingway trascorreva parte del suo tempo ad ammirare lo scorrere delle acque del fiume Tagliamento, il limite imposto delle acque tra le Regioni Friuli Venezia Giulia e Veneto, Alla Vecchia Finanza, del complesso della Sil, Società Imprese Lignano di Renzo Pozzo, si affaccia tra il fiume e la sua foce nell’Alto Adriatico. 

Il menù del locale privilegia il pesce, ma c’è spazio anche per chi desidera altri percorsi gastronomici o si sofferma per l’aperitivo, magari nel pomeriggio ammirando le colorazioni particolari che assume il fiume con le luci del tramonto. 

Come abbiamo riportato sulla Carta del Gusto della Riviera friulana qui si arriva facilmente anche dal Veneto e ‘perfino’ da Sabbiadoro in bicicletta. 

Questo è infatti il ‘terminal’ del percorso ciclabile che scende lungo la riva sinistra del Tagliamento, di quello che arriva da Sabbiadoro attraversando la pineta del Villaggio Bella Italia lungo la pista aperta a tutti, ma da qui si può ripartire per un’altra avventura sui pedali, verso il Veneto Orientale, parte della Riviera friulana in quanto terre friulanofone, fino a Bibione e proseguire oltre, a vedere la Vallevecchiadove vi sono resti romani, la Brussa, e lungo la costa a Caorle, Jesolo, o nell’entroterra, magari accanto a canali come la Litoranea Veneta, che è parte di un percorso navigabile che risalendo per l’ultimo tratto il fiume Po ci può portare in gommone o con una imbarcazione medio-piccola, fino a Torino. 

Tra Latisana e Lignano il salmastro affiora tra le vigne e regala sapidità ai vini

Ma rimaniamo in Riviera per dedicarci al territorio della Bassa friulana, che ne fa parte. Una denominazione che deriva dalla dominazione austroungarica su queste terre, periodo che ha lasciato traccia tutt’oggi nella topografia ufficiale. 

Lungo la strada regionale 354, già Ss, a Pertegada in Comune di Latisana, alle porte di Lignano, Guido Lorenzonetto, come altri lungimiranti operatori che si contano con le dita di una mano, aveva visto lungo pensando di sviluppare terre inizialmente aride e abbandonate, e che invece oggi generano vigneti dai quali si ricavano vini premiati nei concorsi regionali e internazionali. 

Guido ancora presente anche in campagna, e suo figlio Marco, in cantina, in una nuova cantina dotata delle tecnologie più avanzate, hanno saputo esaltare i sentori di un’area inizialmente eletta alla sola cerealicoltura, poi alla pioppicoltura. 

Una terra di confine che conduceva al mare, alla spiaggia dorata di Lignano. A confermare la sua lungimiranza gli stessi terreni che regalano quel pizzico di sapidità dal quale i vini, anche rossi, ricavano quel sentore aggraziante e delicato che richiama la vicinanza dell’Alto Adriatico. 

Infatti, in una vigna a poca distanza dalla sede aziendale in periodi particolari affiorano i sali delle falde di acqua salmastra che dal mare si estendono fino all’interno del retroterra, tanto da regalare ai terreni coltivati un aspetto biancastro e luccicante, come una lieve nevicata. 

Su questo terreno crescono le viti che hanno consentito di produrre Lis Blancjuris (le biancure in lingua friulana), un rosso Cabernet e Refosco dal Peduncolo Rosso completo e complesso, ma morbido e suadente, adatto per arrosti e carni o formaggi strutturati. 

Dopo esserci intrattenuti con Guido, Marco, salvo che sia in cantina, sua madre Ornella, la sorella Mara o con Chiara, la moglie di Marco, tutti esaurienti teacher delle carature del territorio, e avere assaggiato alcuni prodotti tipici locali da sposare al nostro Lis Blancjuris, rotta verso Lignano Pineta (Ud). 

Obiettivo un ristoro dal sapore germanico alla Terrazza Cortina, gelateria, paninoteca, cocktail bar, in Raggio del bisato, dove lo strudel con la ricetta tedesca di mamma Cornelia e il gelato della figlia Lucia sanno assecondare le attese di grandi e piccini. 

Una location che si apprezza tutto l’anno perché sempre aperto, ma soprattutto all’arrivo della primavera, perché diviene interamente fruibile il grande terrazzo esterno, dove si possono degustare anche le piadine con prodotti del territorio, sempre di Lucia, e le altre proposte che nel tempo hanno saputo fidelizzare una clientela eterogenea ma affezionata.

Carlo Morandini

Cucina della tradizione pasquale e rivierasca nei locali del retroterra e delle città balneari

Nonostante la ‘Pasqua Bassa’ ripartono con la primavera le attività di pregio dell’area

Da Lignano a San Giorgio di Nogaro

La ricorrenza della Pasqua è una festività religiosa mobile perché la sua data si sposta di anno in anno e coincide con la prima domenica successiva alla prima luna piena di primavera, stagione che inizia convenzionalmente il 21 marzo, ma quest’anno, che è bisestile, il 20 marzo. A decidere della scadenza della Pasqua è stato il Concilio di Nicea del 325 d.C.. Pasqua è importante per i suoi riflessi anche a livello turistico perché coincide con le festività in Austria e Germania e con l’arrivo dei turisti di lingua tedesca è l’occasione per le attività delle località turistiche e balneari per riaprire i battenti dopo la pausa invernale. I giorni di festa inducono infatti turisti e frequentatori a trascorrere qualche giorno o qualche ora al mare, in campagna, in collina, in montagna.

Quest’anno la festività della primavera cade il 31 marzo e viene chiamata Pasqua bassa, perché è in anticipo rispetto alle altre opzioni del calendario. Una situazione che assieme a condizioni meteo per ora piuttosto instabili ha rallentato l’interesse e l’affluenza verso i luoghi del mare, facendo ritardare anche la riapertura da parte di operatori meno motivati avviare così presto le loro attività, perché presumibilmente la frequentazione delle spiagge e l’afflusso importante dei turisti inizierà nel mese di maggio. Ciò nonostante, diversi operatori credono giustamente nell’affermazione di una destagionalizzazione dell’affluenza al mare e sia a Lignano che a Grado hanno già riaperto. A dire il vero, c’è chi lo ha fatto da tempo.

Tra i locali presenti sulla nuova rivista Carta del gusto della Riviera friulana, Annalisa Altieri all’Hotel Blue Marine di Lignano Sabbiadoro (Ud) per Pasqua propone un menù destinato ad assecondare la tradizione sia per i piatti di pesce che per gli amanti delle pietanze a base di carni pregiate. Una cucina di contaminazione la sua, con la Capasanta assieme a carciofo fritto ‘crumble’ salato, salsa e zafferano, oppure la Fassona, battuta di carne della razza bovina piemontese con ‘coulis’ di lamponi, uovo di quaglia e stracciatella.

Un altro esempio, Al mare andata e ritorno, ovvero cappellacci di mare in brodo di cavolo nero e caviale, e Crespella, ripiena di fonduta, asparagi, guanciale croccante. Un’altra ‘new entry’ nel club delle attività che aderiscono all’Associazione culturale La Riviera friulana è Stella di mare, la rinascita del ristorante del Marina Sant’Andrea a San Giorgio di Nogaro (Ud) con Claudia Azzano e l’irlandese Robert Goose, che ovviamente punta sulla cucina di mare, elaborata e attenta agli abbinamenti cibo-vino, che essendo esperta sommelier cura personalmente in sala.

Con l’entrée le bollicine e la Rosellina di trota marinata su cappuccio viola e uova di trota e a seguire grandi vini bianchi con il Tentacolo di polpo con crema di piselli, ‘julienne’ di pomodoro secco e ‘chips’ di patate viola, per passare alla lasagnetta al ragù di seppia e besciamella ai carciofi e l’intrigante risotto con crema di broccolo romanesco, vongole e cappuccio viola croccante.

Un mix tra l’Alto Adriatico e la campagna della Riviera friulana con il Trancio di ricciola su crema di sclopit. Claudia Azzano ci tiene oltre che al menù anche ai vini che hanno fatto la storia dello sviluppo dell’enogastronomia e di segmenti dell’economia del Friuli Venezia Giulia e del Nordest, e la Millefoglie di Colomba viene esaltata da una provocatoria Crema al Tocai, oggi, purtroppo, per decisione comunitaria, genericamente ‘Friulano’.

Presente sulla Carta del gusto della Riviera friulana anche il Playa Beach Restaurant Lignano di Lignano Sabbiadoro (Ud) dove se è evidente che non sarà ancora possibile vista la Pasqua ‘precoce’ pranzare o cenare con i piedi scalzi sulla sabbia e rilassati sotto al tavolino, Ketty Cristin e Francesco Rizzi proporranno nell’elegante interno del locale e nel sottoportico sul Lungomare Marin (civico 24) bollicine e prelibatezze di mare e di terra e altro ancora.

Sempre fronte mare e a Sabbiadoro (Ud), nei pressi della Terrazza Mare, Municipio 36 Bistrò di Emanuel Nin propone la cucina della tradizione sia di carne che di pesce.
Ritornando all’arco rivierasco a La Rucola di Castions di Strada (Ud) lo chef-ristoratore Villi Barbiero ha eletto il pesce quale motivo conduttore del suo menù di Pasqua.

Per cominciare l’aperitivo con la Ribolla Gialla assieme alla Spuma di baccalà & acciughe del Cantabrico la Julienne di polipo & seppie all’arancio e zenzero.

Code di gamberi & capesante sono servite nella polentina concia di Mortean, mentre i ravioli di patate e limone al raguttino, tonno pinna gialla sono adagiati nella coulisse di pomodoro. E ancora tra l’altro il Filetto di rombo all’imperiale con mazzancolle argentine su morbido di patate americane.

La rivista Carta del Gusto della Riviera Friulana

Riviera friulana: Itinerariri rivieraschi in inverno tra Grado e Latisana

Dal goloso ‘Buffet’ del Gran Hotel Astoria di Grado (Go) al Merlot di Lorenzonetto di Latisana (Ud)

Un menù in grado di assecondare le attese dei gourmet come delle famiglie e un vino morbido e versatile

Tra tutte queste opportunità di valorizzazione della cultura del territorio spicca la Carta del gusto, un magazine che consente di approfondire gli elementi di richiamo dell’area considerata e di conoscere i sodalizi culturali e le realtà impegnate da animare anche la Riviera friulana. Da non trascurare il premio interprofessionale, ‘Carati d’autore’, con Assoenologi e Unione cuochi, itinerante ma che oramai ha trovato casa adeguata ad Aquileia (Ud) e a San Michele al Tagliamento (Ve).

Mentre si riaffacciano tra i programmi 2024 il Premio Voce dell’Adriatico, https://www.facebook.com/vocedelladriatico/al Marina Sant’Andrea di San Giorgio di Nogaro (Ud), e il Premio giornalistico ‘Isi Benini’. Si stanno nel contempo valutando gli elementi per il ritorno del Premio ‘Valerio Ghin’, a Marano Lagunare (Ud).

Le principali realtà della Riviera friulana non abbandonano la loro capacità di attrarre i visitatori dell’area per fidelizzare anche coloro che scoprono ora le terre rivierasche. Per esempio, a Grado (Go) il Gran Hotel Astoria di Sandro Lovato ha predisposto attività ed eventi di richiamo dal soprannome della località adriatica che è ‘Isola d’oro’ motivato dai colori della sabbia fine della spiaggia e delle luci del tramonto. L’obiettivo è quello di trasformare Grado, in particolare il suo suggestivo centro storico, contraddistinto da riflessi architettonici romanici e veneziani,

Dopo il Natale d’Aur di Grado che ha visto nel porto Mandracchio ormeggiato l’ormai tradizionale Presepe galleggiante, con le decine di rappresentazioni della Natività che si sono potute ammirare a Grado, in sinergia con Aquileia (Ud) e Terzo di Aquileia (Ud), località nell’immediato retroterra oltre la Laguna, con un percorso di visita di un centinaio di Presepi tutti accessibili al pubblico.

Il Grand Hotel Astoria, il primo della rete rivierasca partendo da est, è il riferimento culturale e storico di un’isola sulla quale, lo avevano riconosciuto i turisti austriaci già due secoli fa, dal soggiorno è possibile ottenere benefici per la salute grazie all’habitat e al clima.

Lovato, il titolare, assieme all’articolato staff del ristorante formato dal vicepresidente vicario dell’Amira, Giacomo Rubini che per anni è stato alla guida della brigata di personale del Grand Hotel,cura personalmente la scelta delle materie prime locali e di prossimità che fanno la differenza.

Alcuni esempi. Gli antipasti vanno, per il pesce, dalla insalatina di grancevola alle olive taggiasche, all’insalata di gamberi alla catalana, all’insalatina di astice e sedano verde croccante, alle seppie con finocchi croccanti, alle capesante scottate su confettura di cipolla rossa, alle immancabili ‘sarde in saor’ alla gradese, assieme a parecchie altre proposte.

Passando alle carni: Fesetta di manzo marinata con rucola e scaglie di grana, frico di patate e Montasio alla carnica, strudel di ricotta friulana, porcini e speck di Sauris, salumi friulani al vassoio, oppure assortimento di formaggi e verdurine in agrodolce.

Tra i primi.: lasagne sfogliate alla bolognese, orzotto alla zucca mantecato al ‘Formadi frant’, mezzi paccheri con raguttino di crostacei, tortelli ai funghi porcini con guazzetto di capesante, pasta e fagioli alla friulana, cappelletti in brodo di cappone.

Ecco i secondi: Branzino in bellavista, rombo al forno alla mediterranea, bollito misto di carne con salsa verde, tagliata di manzo con salsa al Refosco di Scodovacca (Ud), cappone ripieno con porcini e tartufo. E per chiudere… Buffet di dolci del Grand Hotel Astoria.

Com’è intuibile, trovare vini dell’arco rivierasco da abbinare a un menù a buffet così vasto non sarà difficile. Così ci spostiamo sul versante opposto della Riviera friulana, in un trasferimento attraverso l’autostrada A4, da Villesse a Latisana e poi lungo la SR 354. Oppure, per godersi la bellezza delle località rivierasche, lungo la Sr ‘Triestina’, l’ex Ss 14, passando per Aquileia, Cervignano, San Giorgio di Nogaro, Palazzolo dello Stella e la Sr354.

Stiamo viaggiando con la nuova Ford Puma Hybrid EcoBoost STLine Ruby, performante ma comoda e sostenibile. La meta? L’Azienda vitivinicola Lorenzonetto Cav. Guido, a Pertegada di Latisana (Ud) accanto alla strada regionale 354, a pochi km da Lignano Sabbiadoro (Ud) e Bibione (Ve). Marco, l’enologo, figlio del fondatore Guido che tuttora assieme alla moglie Carla, con la figlia Mara e la nuora Chiara è presente in azienda, ci suggerisce il Merlot, che quindi sposiamo, per esempio, con il Cappone ripieno con porcini e tartufo.

È un vino di colore rosso rubino che emana profumi decisamente intensi: ricordano tabacco e pomodoro. Il Merlot Lorenzonetto ha il sapore asciutto e leggermente tannico, ed è un vino premiato anche di recente, prodotto con macerazione a temperatura controllata, delastage e micro ossigenazione e parziale affinamento in botti di rovere alla francese. Viene prodotto su terreno limoso argilloso con sottofondo calcareo in un sistema di allevamento delle viti con metodo Guyot modificato con 4000 ceppi per ettaro e una produzione di 130 quintali per ettaro. Realizzato con amore con una gradazione alcolica di 12° accompagna con gusto i profumi dei porcini e del tartufo.

Carlo Morandini